Home Page di ethanricci.cloud - Collegamento a sito esterno Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Lunedì 05-Mar-2012

 

Domenica. Ore 7:10 del mattino. La porta si chiude ed io mi raggomitolo nelle coperte. Anche stamani Sara è scesa con il cane, posso rimanermene a letto, oziare al calduccio - quando tornerà la vedrò apparire con una bella tazza di caffè e la giornata comincerà con le sue dolci consuetudini, come ogni fine settimana da tre anni in qua. Piove. «Che bello avere qualcuno che ti ama abbastanza da alzarsi così presto per evitarti una scarpinata sotto il diluvio… Sara è proprio un tesoro…» - penso con inspiegabile preoccupazione, poi mi dico che sono troppo protettiva, paranoica - e mi riaddormento.
Sento armeggiare alla porta. Sonnecchio, ma ho la percezione che Sara non riesca ad aprire… è strano, molto strano. Penso che Chio deve averla fatta ammattire, è stupido quel cane, non capisce nulla… Rimango ad occhi chiusi poi, all’improvviso, li spalanco e mi tiro su… Sara è accanto al letto, coperta di fango, grondante d’acqua, il viso sporco, è tremante, mi guarda, comincia a singhiozzare, non riesce a parlare. In una frazione di secondo le sono addosso, l’abbraccio, le prendo il viso fra le mani, la supplico di calmarsi, parlare, le dico di stare tranquilla, che adesso è a casa, ci sono io…
«È successa una cosa…» - ripete, balbetta.
«Dimmi, amore, dimmi... Va tutto bene…»
Ho capito, ma non posso crederlo – non è possibile, non è possibile. La bacio sulla guancia sporca di fango e lei si ritrae con dolore. È gonfia. «Dove ti fa male, dove?... Sei cascata? Ti hanno investita? Chio?»
«Due… mi hanno fatto una cosa…»
So cosa vuol dire. “Lo sapevo” – mi ripeto, lo sapevo già da prima che entrasse in casa. Certe cose si sentono, si sanno… Mi assicuro che almeno non abbia ferite, che sia tutta intera. Fra i singhiozzi capisco, l’aspettavano…
«Mi hanno detto di dirti di smetterla, l’hanno fatto a me perché farlo a te non sarebbe servito, così impari, capisci, hanno detto…»
«Bastardi» - solo questo riesco a pensare, a dire sotto voce, ma adesso non c’è tempo per la rabbia, devo stare calma, tirarla fuori dal baratro, riportarla a casa… La spoglio. Mi rimangono in mano le mutandine strappate, le guardo e mi sento morire…
«Buttale via…» - mi dice con gli occhi pieni di lacrime, terrore - «Butta via tutto…»
«Sì, amore, certo…» - fingo di farlo.
La immergo nell’acqua calda, comincio a lavarla, si ritrae. «Hai male?» - no, ha solo schifo e vergogna di sé, paura per me.

È accaduto il 18 Aprile scorso. Un agguato. Due, sui trent’anni. L’hanno colpita alle spalle. È caduta nel fango, tramortita. L’hanno tirata su. Uno la immobilizzava: passandole le braccia sotto le ascelle le premeva la nuca con le mani, da dietro, spingendola verso il basso così che non potesse vederli. L’altro agiva, parlava in continuazione, la umiliava, insultava: «È brava, eh, la tua Cinzia? Ma lei questo non lo sa fare, vero?... Lo facciamo a te perché tanto farlo a lei non servirebbe, così impara, capisce… Dille di smetterla, altrimenti sappiamo dove venirti a cercare…».

Come quasi ogni donna che subisce violenza, anche lei era decisa a non sporgere denuncia: voleva solo tornarsene a casa, dimenticare - tutto. Insisto inutilmente. Nel pomeriggio si rimette in viaggio. Sicuri di non correre alcun pericolo la seguono: «Allora, gliel’hai detto quello che ti abbiamo fatto?» - panico, è fuggita e loro dietro, ancora…

Due facce pulite da bravi ragazzi, l’ultimo modello di un’auto costosissima per la maggior parte di noi, forse una ragazza a casa che li aspetta, certamente dei genitori, magari una moglie, dei figli, ed un lavoretto da fare, durante il fine settimana, senza rischi… Aggredire un cucciolo di donna per colpirne un’altra solo perché non ha vergogna di essere se stessa, non si nasconde, non tiene il becco chiuso. Colpirla indirettamente - perché rimanga vulnerabile. Colpirla nei suoi affetti “contro natura” - perché le coscienze non ne siano turbate. Colpirla perché la smetta – di sentirsi libera. Colpirla perché capisca cosa vuol dire non esserlo, che la sua vita non conta nulla e chiunque può farne quel che vuole, specie se ha buoni amici pronti a coprirgli le spalle, amici che conoscono il codice penale tanto da sapere che non puoi essere giudicato per stupro se non l’hai fatto con il pene, perché per la legge italiana se prendi una donna e la massacri con un bastone, le mani, un camion, non l’hai stuprata, no, hai solo compiuto atti di libidine, e per così poco, via, quante storie...

Questo succede nell’opulenta Lucca delle meraviglie, piena di conigli bianchi dalla faccia pulita. Questo succede, nel 2004, in quest’Italia felice, ricca, civile, cristiana, tanto presuntuosa da credere di potersi unire ai giustizieri del mondo in un’assurda crociata colonizzatrice che lo renderà migliore. Balle. Quest’Italia malata farebbe meglio a starsene a casa, a curare se stessa, a insegnare ai suoi figli che in uno stato di diritto il rispetto per gli altri e per le loro scelte è al primo posto, non all’ultimo.

Le indagini, condotte dal comando dei Carabinieri di S. Concordio che ringraziamo comunque per averci trattate con inattesa gentilezza, sono a un punto morto – probabilmente finite. Non sappiamo e forse non sapremo mai chi, perché. La destra - quella vera che ammorba le coscienze di tanti rispettati cittadini e non ha bisogno di bandiere - non firma, non spiega, non lascia tracce, non si sporca le mani direttamente: appalta, delega, prospera sottovalutata nell’indifferenza.

Illazioni, certo.

Magari erano solo due balordi in vena di far bravate: di domenica, alle sette del mattino, contro una ragazza che porta a spasso il cane sotto il diluvio, dileguandosi su una macchina da quaranta milioni di lire… certo. "E poi, voi, con quel vizio di dire sempre quel che pensate, con quella sciocca abitudine di starvene fuori dal branco, dalle regole, con quell’assurda pretesa di esistere! Diciamolo, un po’ ve lo siete cercato, magari inventato…" - già, sai che guadagno farsi sputare in faccia, esporsi al pubblico ludibrio…

E intanto aggressori e mandanti sono là fuori, nascosti dietro forme generalizzate e inconfessabili di sottesa approvazione, pregiudizio, lassismo – d’altronde qualcuno il lavoro sporco dovrà pur farlo, non vi sembra? Gli squadristi fanno comodo, a tutti, sono il braccio armato di questo sistema, di questo governo democraticamente eletto, di questo paese che non ha imparato nulla dalla storia, di chi crede che basti indossare una maschera, adeguarsi, far finta di niente per essere al sicuro.

Nessuno lo è - nessuno.

 

Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina...
Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina... Clicca per accedere alla pagina...

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it oggi ethanricci.cloud

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. On-line dal 2003, nel 2015 diviene antologico, da allora non viene aggiornato. Gli odierni Browers non supportano più gran parte dei materiali multimediali prodotti prima di tale anno, le numerose pagine che sembrano vuote in realtà contengono tali contenuti ormai non più fruibili - ne siamo dispiaciuti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.