Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 26-Gen-2007

 

Di Massimo Consoli - "Rome Gay News" N. 79, novembre 1995

 

Sardo, 45 anni, una vita avventurosa dietro le spalle, Anselmo Cadelli appartiene alla seconda generazione del movimento gay italiano. Tra le tante cose che ha fatto, c'è da ricordare che fu lui, il 12 luglio del 1978, a dirigere l'occupazione della palazzina in via Campo Boario 22, quella che diventò l'ormai mitica (e la prima) Gay House e dalla quale l'OMPO's venne scacciato perché i lavori di ristrutturazione dell'ex-Mattatoio sarebbero dovuti cominciare da lì a pochi giorni. Lo scorso 11 novembre, la polizia del Celio ha posto sotto sequestro l'attuale sede dell'associazione, in via Ghiberti 8/b.

Consoli: Anselmo, per quale motivo e prima di qualsiasi altra definizione, ci tieni a spiegare che sei sardo? Per una forma di campanilismo regionale?

Cadelli: Perché il modo migliore per invitarmi a sloggiare, scelto da una inquilina del palazzo in cui ha sede la nostra associazione è: «Aritòrnatene in Sardegna, brutto frocio che nun sei artro». E a questi insulti fa seguito, ogni domenica mattina prima dell'ora della messa, il lavaggio del davanzale con varechina e acido che, regolarmente, cola proprio sul nostro ingresso.

Consoli: Allora, c'è incompatibilità con i vostri inquilini?

Cadelli: Assolutamente no! La grande maggioranza degli abitanti di via Ghiberti e via Alessandro Volta hanno avuto più di una occasione per manifestarci la loro solidarietà e simpatia, anche dissociandosi dagli esposti che, ogni tanto, vengono inviati ai vigili urbani o al commissariato di Pubblica Sicurezza, ai Carabinieri o allo stesso IACP, proprietario dell'immobile. Tant'è che, a dire il vero, e visto che tutti negano di averli firmati, non so neanche se questi esposti siano stati inventati da qualcuno con l'intenzione di spaventarci per subentrare nel locale, o per perseguire chissà quali altri fini.

Consoli: Veniamo ai vostri rapporti con le forze dell'ordine.

Cadelli: Con i vigili urbani sono più che ottimi. Addirittura, le guardie che sono venute più di una volta a controllare il locale ci hanno dato consigli preziosi su come risolvere qualche problema tecnico. Lo stesso devo dire a proposito dei Carabinieri: sempre estremamente corretti e gentili ogni volta che, sollecitati da telefonate anonime, si sono precipitati a vedere che cosa stesse succedendo nella sede della più antica associazione culturale gay italiana. Anche con la polizia non c'erano stati problemi fino a quando non si è fatto vivo il vice ispettore Giuseppe Miracapillo che, almeno sembra, sta conducendo una sua crociata personale contro di noi. E questo suona alquanto strano viste le assicurazioni fornite alla comunità dal capo della Polizia, Fernando Masone, agli inizi del 1993, quando parlò di "un nuovo spirito di collaborazione tra la comunità e le forze dell'ordine", sottolineando che non avrebbe più permesso quella forma di sottile discriminazione alla quale erano sottoposti i gay proprio da parte degli agenti e che, nei casi più delicati, ci impediva di presentarci a testimoniare. Noi tutti abbiamo creduto a Masone, perciò non capisco per quale motivo il Vice ispettore Miracapillo si presenta all'ingresso dell'associazione apostrofandomi con esortazioni arroganti del tipo: "Tu stai zitto! Fammi parlare a me! Qui dovete chiudere". Se è questo il tipo di collaborazione della quale si parlava... allora avrei fatto meglio a non presentarmi spontaneamente alla polizia ogni volta che c'è stato un delitto contro la nostra comunità ed ho pensato di poter essere utile...

Consoli: Perché, hai dato dei contributi del genere?

Cadelli: Penso di aver fornito un piccolo aiuto alla risoluzione di qualche caso. Almeno tre volte, se ricordo bene.

Consoli: Cioè?

Cadelli: Quando, nel gennaio del 1991 il 47enne Alfredo Garreffa venne ucciso nelle solite "circostanze misteriose" con "la testa fracassata da un arnese che i macellai usano per affilare i coltelli", era facile prevedere che il delitto sarebbe stato archiviato con le altrettanto solite e vaghe motivazioni se non fossi stato io ad accompagnare l'assassino al commissariato di Primavalle. I giornali scrissero che "forse un amico lo ha convinto a confessare". Ebbene, oggi posso cancellare il forse... anzi, posso perfino ricordare che portai l'assassino al commissariato, addirittura prima che venisse scoperto il cadavere di Garreffa. Ed erano già passati tre giorni dal delitto.

Consoli: Come facevi a sapere che era lui l'assassino?

Cadelli: Me lo aveva confessato poco prima di tentare la fuga, ma io l'ho convinto a restare, a costituirsi e a pagare il suo debito con la giustizia. E so che è veramente pentito di quello che ha fatto...

Consoli: E gli altri due casi?

Cadelli: Sono sempre omicidi contro i gay, ma le inchieste sono tuttora in corso, perciò non posso dire nulla.

Consoli: Ed i rapporti con lo IACP?

Cadelli: Io penso che tutti i nostri guai dipendano proprio dal fatto che, dopo più di 4 anni, l'Istituto Autonomo Case Popolari ancora non senta il dovere morale di formalizzare questa assegnazione con un regolare contratto. La sede ci è stata assegnata, ma manca un atto ufficiale che ci metta in condizione di richiedere i permessi necessari. Perché, mi sembra opportuno insistere su questo, la polizia ha ragione a contestarci determinate infrazioni (anche se in termini non propriamente ortodossi), ma noi ci troviamo tra l'incudine e il martello: vogliamo far venire i vigili del fuoco, i vigili urbani, la USL e l'ufficio d'igiene per certificare l'idoneità del locale, ma senza il contratto dello IACP nessuno di loro può, ufficialmente, rilasciare un documento del genere. E, dopo decine di defatiganti ed infruttuosi incontri con i responsabili della sezione di Testaccio dell'Istituto, e varie (misteriose) sollecitazioni a lasciare il locale ad "attività più serie", ci comincia a venire il sospetto che quelle quattro mura, pur nel loro piccolo, siano l'oscuro oggetto di qualche inconfessabile desiderio e che ci vogliano costringere ad andarcene per accontentare chissà quale parte politica in agguato.

 

LA POLEMICA: Dopo la chiusura del circolo «Ompo's» di Testaccio, il presidente Cadelli difende l'associazione

Di Dino Martirano - "Corriere della Sera", 14 novembre 1995

 

Dopo l'intervento della polizia, che sabato sera ha messo i sigilli alla sede della storica associazione gay «Ompo's», scoppia la polemica sul sequestro del registro dei soci: «In quel libro ci sono mille nomi - dice il presidente del circolo, Anselmo Cadelli -. Quando me lo volevano prendere me lo sono stretto al petto, non volevo darglielo per nessun motivo al mondo: poi una studentessa in legge che era lì vicino mi ha rassicurato e mi ha convinto a consegnare il registro». Irregolarità amministrative, presunta vendita di alcolici, mancanza delle uscite di sicurezza previste per i pubblici spettacoli. Per tutti questi motivi i funzionari del commissariato Celio hanno messo i sigilli al locale di Testaccio dove era in programma la rappresentazione di «Strani incontri», di Coronas e Graziosi: agli spettatori, una cinquantina, è stato restituito il prezzo del biglietto. E, secondo quanto prevedono le procedure in questi casi, sono state sequestrate le tessere, il registro dei soci, una locandina e un ritaglio di giornale che pubblicizzava lo spettacolo.

«Gli agenti erano già passati in quel sotterraneo di via Ghiberti - sostiene una fonte della polizia - e avevano chiesto al titolare di presentarsi in commissariato: perché quando si pubblicizza uno spettacolo sui giornali, quando si vendono le tessere e poi si fa pagare un biglietto bisogna rispettare le norme sui pubblici spettacoli. In questi casi ci va di mezzo la sicurezza del pubblico». Replica Massimo Consoli, che del movimento politico degli omosessuali (Ompo) è il leader storico a Roma: «Ci risiamo. Quando gli fa comodo, quando non gli stai bene, si ricordano delle uscite di sicurezza: e pensare che a Roma metà dei locali non rispettano le norme». L'operazione di polizia sarebbe nata da un paio di esposti presentati dagli inquilini dello stabile Iacp di via Ghiberti: «Non riesco a capire chi ci stia perseguitando - dice Cadelli -. Gli esposti sono anonimi: noi chiudiamo alle 23 e cerchiamo di limitare i disagi per i vicini». Tra le associazioni degli omosessuali e il vicinato non corre buon sangue: in via Ostiense 202, dove un edificio comunale ospita il circolo «Mario Mieli», gli inquilini fecero costruire una rete per dividere il cortile. Ora la questione sembra risolta con un ingresso indipendente. Riservato al circolo gay e all'attigua sede dei boy scout.

 

Di Massimo Consoli

 

Aveva guidato la gloriosa occupazione della palazzina di Testaccio che divenne la sede della prima "GAY HOUSE OMPO's" romana, negli ormai mitici e lontani anni Settanta (12 luglio 1978). Era stata sua l'idea di quella che, all'epoca, fu una commedia di grande successo, "Solo i Gay Vanno in paradiso" (31 dicembre 1977). Fu l'ultimo Presidente dell'OMPO's, la più antica associazione culturale gay italiana (24 ottobre 1994). Centinaia sono stati i suoi comunicati stampa e i suoi articoli apparsi su "Ompo", "Rome Gay News" e "Sabazio". La sua collaborazione a sdrammatizzare la pesante situazione romana durante il periodo piu' cupo degli omicidi antigay si e' rivelata preziosa. Non possiamo dimenticare che a lui si deve la soluzione di ben tre delitti e fu sempre lui a dare l'informazione su Mariano Tre-Dita ed al suo tentato omicidio contro l'olandese. Oggi, dopo un'agonia durata parecchi mesi, Anselmo Cadelli è morto, ucciso da un'infezione al cervello che lo aveva paralizzato e reso muto, permettendogli di comunicare solo attraverso gli occhi. Era nato a Sassari il 2 marzo 1950, subito abbandonato dai genitori e cresciuto tra orfanotrofi, collegi, ospedali, navi militari e carceri. E' morto il giorno di Ferragosto 2001, alle ore 18.00, presso l'ospedale Spallanzani di Roma. Era un militante della «seconda generazione», una vera e propria fucina di idee, presente a moltissime iniziative, da Roma a Berlino, da Firenze a Cagliari, dall'Aquila a Napoli, da Viterbo al Portogallo...

 

TORNA SU
HOME
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.