Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 15-Apr-2011

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Clicca per ascoltare

(a due voci, entrambe dell'autrice)

 

Pendono

- Estranee dondolano -

Esuli ragnatele
Caparbiamente avvinte
Dondolano

- Sanguisughe pendono -

Ecco, le fibre flettono
poi si contraggono...

Ancora ti violento
Pensiero come ragno.

Ora bovina divoro
Fertilità acquisita

Ora di me nulla rimane
Se non cenere e rami spezzati.

Così lavora il pazzo suicida:
Uccide di sé la vita per sanare in sé la morte

- Il furore è falce
E la falce forgia la terra
-

Meretrice e fossa
Guardo la pendula esequia

Cosa mi tormenta?
I suoi occhi, solo i suoi occhi.


Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca

 

ATTENZIONE!

Tutte le poesie scritte dal 1984 al 2005, sono disponibili anche in formato mp3 (o Wav sul CD audio in vendita singolarmente o allegato al libro). Le si possono leggere, quindi, ascoltare ed anche scaricare gratuitamente, tuttavia, qualsiasi utilizzo che non sia privato, personale e non commerciale (ad esempio la diffusione pubblica anche on-line), è consentito esclusivamente chiedendone espressa autorizzazione all'autrice. Per contatti: cinziaricci@teletu.it.

Se utilizzi Internet Explorer, ti sconsigliamo di servirti del lettore multimediale ivi incluso poiché potrebbe causare malfunzionamenti. Per vedere e ascoltare i contributi multimediali, ti suggeriamo di utilizzare qualsiasi altro programma esterno ad Internet Explorer.

by www.cinziaricci.it

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.