Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Sabato 19-Nov-2011

 

 

Trionfo di colori. I profumi si spandono nell’aria. La vita si accende. Cinguettano gli uccelli. È tutto un canto, un… gnam-gnam-gnam sinistro provenire dall’armadio, dal cassettone, persino dalle travi, nel parquet!

Ebbene, sì – la natura si risveglia e insieme agli adorati pollini (si fa per dire) ci regala eserciti d’insetti e parassiti – fra questi naturalmente vi sono i tarli.

Xilofagi, perlopiù coleotteri, ma anche imenotteri, lepidotteri, isotteri, apidi e formicidi, prolifici, infaticabili masticatori.

Spesso, non sono gli adulti a causare i danni maggiori, ma le larve che si nutrono di lignina, cellulosa, proteine, zuccheri e quant’altro di appetibile contenga il legno e, talvolta, anche la carta. Il ciclo vitale di ogni singolo tarlo non dura poche ore o pochi giorni, questa è un’altra diceria senza alcun fondamento. Dura… anni! Ecco perché talvolta i trattamenti antitarlo sembrano fallire: se il veleno non raggiunge i nidi uccidendo uova e larve, queste avranno tutto il tempo di diventare adulte procreando nuove generazioni distruttrici. Dalla primavera sin oltre l’estate, con l’aggravante che le condizioni climatiche degli appartamenti moderni, riscaldati artificialmente spesso oltre i 18°, creano le condizioni ideali per la nascita di due o tre generazioni in un anno. Praticamente il ciclo non si interrompe mai. Un flagello.

Nessun legno è al sicuro.

Una buona prevenzione è l’unica cosa che può impedirgli di polverizzarci la casa, ma di rado i costruttori di mobili, infissi e rivestimenti trattano il legno in modo adeguato e normalmente le persone comuni considerano il mobilio di casa e il legno con il quale è costruita e protetta, come se fosse eterno e indistruttibile, sottovalutano il problema, insomma, poi corrono disperate ad acquistare i più improbabili prodotti senza ottenere, com’è ovvio, effetti risolutivi e durevoli.

La nostre care massaie e le loro improvvisate maestranze (fra le quali includo non solo i parenti e gli amici, ma anche sedicenti professionisti e persino affermati restauratori!), credono che spennellando le superfici con il petrolio (inorridisco) o il Timpest (un insetticida che si acquista persino al supermercato) il problema si risolva magicamente – ma questi sono solo dei palliativi, robetta fondamentalmente inutile! E poi spennellare non basta, ci vuol pazienza e tempo, talvolta anche esperienza e abilità per sconfiggere un’infestazione grave e diffusa, il che, mi raccomando, sottintende l’intervento di persone qualificate.

Bene, cerchiamo di capirci qualcosa, non solo sui tarli, ma anche sul restauro...

 

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca

 

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.