Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Giovedì 11-Ott-2007

 

“Il mio amore mi sta aspettando” – pensava il bel giovane con la valigia in mano.

Poco più in là, un fanciullo seguiva con lo sguardo le acrobazie del tempo – un arazzo ordito a grandi trame, impressionante come un’oscenità, confuso tra i sassi bianchi, l’erba, l’asfalto della strada. Non sapeva che fare, guardava e basta, senza batter ciglio, senza sognare. Era soltanto molto stanco, stanco come suo padre, sua madre, come il mondo quando è stanco di sé.

«Vedrai, anche a te toccherà in sorte questa chioma color di zucchero!», gli dissero un giorno – ed il fanciullo non aspettava altro, desiderava davvero che tutto quel pallore gli scivolasse addosso, sin dentro il cuore.

Troppo triste è il tempo quando il sangue pulsa veloce, quando il corpo è caldo e forte, quando s’agita e freme come un bosco in seno alle stagioni – troppo ingiusto se si è così stanchi da non poter più ascoltare il brontolio bugiardo del vento.

Il bel giovane parve ingigantirsi e subito, senza accorgersene, diventò un ombra accanto a quella dei cipressi.

Fu così che il fanciullo volse lo sguardo altrove. Un poco assopito, forse, o forse già un po’ morente, volse lo sguardo oltre l’intreccio doloroso degli anni e vide il suo cuore scagliarsi suicida contro lo specchio ingordo che è il sole cocente d’estate.

Al tramonto si dimentica volentieri il passero ferito.

Dicono avesse gli occhi color di luna e non piangesse mai.

 

 

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.