Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Giovedì 11-Ott-2007

 

Ti ho vista in una fotografia. Quasi non mi ricordavo com’eri fatta - eri fatta bene, bene davvero.

Dicevo? Ah, sì - quella foto...

Di persona o su carta, guardandoti, si ha sempre l’impressione che tu sia appena uscita da un letto. Odori di sesso - il tuo o quello di un’altra era la stessa cosa per te e questo non mi è mai dispiaciuto, al contrario, lo trovavo eccitante, trasgressivo.

Ricordo perfettamente la tua fronte sudata, grondante in carezzevoli rigagnoli tutti sparsi lungo i nervi tesi del collo - erano scivolosi itinerari di godimento. Li guardavo precipitare dal tuo seno al mio e ne andavo pazza. T’inarcavi come un’atleta sul punto di sparire oltre l’asta, stagliata nel cielo al culmine del salto, nello sforzo innaturale di fermare l’attimo, rimanere sospesa. Si trattava di battere un record e tu, in un certo senso, ci riuscivi - ogni volta.

Dicevamo? Già, la fotografia...

Guardandoti si capisce che alla tua nuova amante piaci molto quando scivoli giù dal letto, quando ti drizzi sulle zampe come una bestia inorgoglita per mostrare senza alcun pudore l’eroico sfinimento, la trionfale vittoria del tuo corpo nudo sul tempo e l’impossibilità di compenetrarsi.

Se tu fossi stata un uomo ti avrei odiata, forse uccisa - ma tu sei una donna ed io alle donne permetto tutto, anche di possedermi.

Un mare di liquidi - ecco, mi pareva che viverti fosse come stare immersi in un mare caldo, denso, disidratante. I tuoi occhi, le tue labbra, la tua pelle - non c’era un solo angolo della mia vita che tu non avessi occupato con la tua straripante sensualità ed io ti naufragavo dentro senza trovare altro che un mare di liquidi. Eterna mia deriva - io ero esausta e vinta dopo l’amore, tu fuggivi via dalle lenzuola e la vestizione del guerriero altro non era che una sottile astuzia per cancellarmi dal cuore quel rimasuglio di paura e diffidenza che ancora un poco mi proteggeva dal tuo irresistibile assedio. Naturalmente cedetti alle tue profferte d’amore, alle tue sapienti lusinghe - e l’abluzione cominciata quasi per gioco si trasformò in un autentico annegamento. Annegavo nei tuoi umori, nel tuo muco. Ricordo bene il tuo sapore, il tuo odore tra una boccata d’aria e l’altra... La natura ti ha resa sopportabile facendoti simile, nel gusto e nella sostanza, ad una noce di cocco - frutto esotico che si apprezza per la sua caratteristica insipidità e freschezza, soprattutto quando ci si trova intrappolati in quella noiosa stagione che precede l’autunno...

Un mare di liquidi, dicevo, ma per me, là in mezzo, non c’erano isole cui approdare ed una noce di cocco è poca cosa, non può sorreggerti, te la porti appresso ogni volta che vai a fondo...

Così, guardandoti in quella foto, ho capito di non avere rimpianti e vederti stampato in faccia, fermato nel tempo, quello che eri, mi consola persino un poco. No, mia cara, nessun pentimento. Ormai sei solo un pensiero evanescente che, di tanto in tanto, ricorre - quasi senza ragione.

 

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.