Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

19 GENNAIO 1992

Emilia Romagna. Un riminese 30enne muore accoltellato.

1° FEBBRAIO 1992

Friuli. Adelmo Deotto, 59 anni, muore assassinato a picconate.

2 FEBBRAIO 1992

Liguria. Gavino Ghisu, 48 anni, uccide Pasquale Pennestri, di 85.

FEBBRAIO 1992

Lombardia. Leonardo Ammadio, cameriere 33enne, gay amante del travestimento, è ucciso nel suo appartamento da Luciano Brinolti, 27 anni, disoccupato e tossicodipendente, che prima lo ferisce con delle forbici e poi lo soffoca con un cuscino. I due non sono completamente estranei: Brinolti, uscendo di casa richiude un cancelletto manovrando una complicata e difettosa serratura. Inoltre, poiché vi sono più letti disfatti, è probabile che non fossero soli, quindi l'omicidio potrebbe essere opera di più persone. L'assassino si difende dichiarando di non sapere che la vittima fosse un uomo, e nel tentativo di liberarsi di lui lo avrebbe involontariamente ucciso. Ma, dati i precedenti (aveva già fatto delle avances a un amico conosciuto in una comunità di recupero e il padre lo aveva cacciato di casa per questo), non gli credono.

19 MARZO 1992

Lazio. Antonello Piredda, 31 anni, muore assassinato a colpi di pistola.

31 MARZO 1992

Piemonte. Franco Micelli, 35 anni, muore accoltellato.

24 MAGGIO 1992

Pavia. Nunzio Vallini, 25 anni, è ucciso in una strada lungo il Ticino a colpi di martellate, dopo un rapporto sessuale consumato in auto. Responsabile dell’omicidio è Enrico Mangolini, 26 anni, a cui aveva dato un passaggio mentre faceva l’autostop.

24 LUGLIO 1992
Italia. “L’Osservatore Romano” pubblica, in una versione adattata per la stampa e la diffusione pubblica, il documento di Joseph Ratzinger, “Alcune considerazioni concernenti la risposta a proposte di legge sulla non discriminazione delle persone omosessuali”. Leggere per credere...
30 LUGLIO 1992

Emilia. Un giovane seminarista uccide strangolandolo con una corda, Claudio Costa, 18 anni, seminarista anch'egli.

16 AGOSTO 1992

Roma. Emilio Mastino Del Rio, 64 anni, costruttore edile in pensione, separato con una figlia, è legato mani e piedi con unfilo elettrico, poi strangolato con una sciarpa e infine lo derubato da ignoti nella sua casa all'Infernetto. Fortemente sospettato il cameriere polacco (Rafaz, 21 anni), scomparso subito dopo.

4 SETTEMBRE 1992

Puglia. Fortunato Donato, 59 anni, uccide a coltellate Tommaso Valenzano, 18 anni.

3 OTTOBRE 1992

Roma. Il regista tv Vittorio Meloni, 49 anni, una figlia, è ucciso da ignoti a coltellate nella sua villa ai Castelli romani.

 

 

<bgsound src="musica/29MyOne.mid" playcount="10">
1992
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.