Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Lunedì 03-Ago-2009


 

2004

Roma - Italia. Fabio croce, editore e scrittore, pubblica un libro nel quale allude ad una presunta “relazione particolare” fra l’attore Nino Castelnuovo e Papa Giovanni Battista Montini. Denunciato e processato, è condannato.

2004

Viterbo. Pierangelo Bucci e Jaco Rozendaal, sposati a Rotterdam l'11 giugno del 2003, nonostante la costituzione europea stabilisca all'articolo 69 il divieto di discriminazione basato sull'orientamento sessuale e una direttiva riconosca il diritto di circolazione nell'Unione non solo ai cittadini ma anche ai loro familiari, ivi incluso il partner che ha un'unione registrata riconosciuta nello Stato ospitante come equiparata al matrimonio, si vedono rifiutare la registrazione dell'atto matrimoniale… per ragioni di “ordine pubblico”!

GENNAIO 2004

Sanremo. La drag-queen Billy More, nota nel mondo della dance commerciale grazie al successo di brani come "Up and down" e "Weekend", è esclusa dalla lista dei partecipanti del Festival di Sanremo a due giorni dalla pubblicazione, nonostante il brano presentato avesse passato la selezione.

Da un trafiletto de “La Repubblica”, 14 Gennaio 2004

4/5 FEBBRAIO 2004

Mathi Canavese - Balangero (Torino). Tarik Zatar, marocchino di 23 anni, e il cugino Yuness, studente 17enne, conoscono la doppia vita di Sergio Susbenso, operaio omosessuale 40enne. Decidono di adescarlo per poi ricattarlo e rapinarlo. Ma l’uomo inaspettatamente reagisce, allora lo colpiscono con quattro coltellate all’addome, lo avvolgono in una coperta, e lo gettano in un fosso lungo la strada che costeggia la Mandria. A tradirli è uno scontrino ritrovato sulla Lancia Lybra della vittima, che porta gli inquirenti alle telecamere del parcheggio del grande magazzino in cui dopo l’omicidio si recano per fare acquisti con la sua auto e i suoi soldi. Quanto vale la vita di un omosessuale? Due maglie e un paio di Jeans.

24 FEBBRAIO 2004

Pordenone 1. Mauro, un commerciante omosessuale, è vittima di un vero e proprio agguato messo in atto da cinque adolescenti che, dopo averne studiato le abitudini, lo riempiono di calci e pugni procurandogli la frattura del collo e dell’omero, quindi, poco dopo, tentano di rubare dalla sua auto una tessera bancomat, il certificato di proprietà e tre agende con decine e decine di nomi e numeri di telefono.

Pordenone 2. Nella stessa sera un altro omosessuale subisce un pestaggio analogo da aggressori appartenenti alla stessa "Baby Gang" composta da almeno una ventina di adolescenti fra i 15 e i 17 anni che passano il tempo rubando, danneggiando, incendiando e picchiando con spranghe, catene e bastoni cittadini inermi, gay e disabili.

26 FEBBRAIO 2004

Roma. Mauro Frontelli, 44 anni, un uomo distinto titolare del ristorante "Luna Piena" a Testaccio, è ucciso nel suo appartamento di Via Aventina da due rumeni di 25 e 27 anni che conosce e dei quali si fida. Dalla sua abitazione sottraggono 200 euro e la carta di credito.

MARZO 2004

Il CIO infrange un altro tabù: gli atleti e le atlete transessuali saranno ammessi ai Giochi Olimpici, forse già a Pechino nel 2008…

1° MARZO 2004

Gorgona (livorno). Nella colonia agricola penale dell'isola di Gorgona, Francesco Lo Presti è ucciso da Pietro Pischedda con il quale ha una relazione. Pischedda ha dichiarato che Lo Presti avrebbe voluto prestazioni sessuali sempre più estreme, per questo prima ha tentato di soffocarlo con un cordino e poi lo ha colpito con un martello da carpentiere e con un coltello da cucina all'altezza della gola, uccidendolo.

18 APRILE 2004

Lucca. Una ragazza subisce un’aggressione sessuale per ritorsione contro la visibilità e l’attivismo di chi sta scrivendo queste righe. Segue denuncia pubblica e alla magistratura. Il 9 Luglio si svolge una manifestazione di protesta nell’indifferenza del paese, della comunità e delle organizzazioni LGBT* (200 partecipanti), così come nell’indifferenza generale restano ignoti gli autori dell’odiosa spedizione punitiva.

APRILE 2004

Roma. Una trans decide di ribellarsi al suo sfruttatore che la minaccia e malmena: lo denuncia. Scatta l’indagine che consente di individuare una vera e propria organizzazione gestita da due italiani e otto ex viados che costringe con la violenza e il ricatto altre trans brasiliane a prostituirsi. Le ragazze (non meno di 100, sono in corso gli accertamenti) vengono obbligate a sborsare fino a 500 euro a settimana per l’alloggio, inoltre dovono versare oltre la metà del loro guadagno che ogni sera può variare dagli 800 ai 1500 euro. Un giro d’affari spaventoso.

APRILE 2004

Padova. Come sdoganare centenarie elucubrazioni pseudo-scientifiche sull’origine dell’omosessualità, facendone un astruso pot-pourri zeppo di luoghi comuni e freudiani nozionismi degni del più maldestro ingarbuglia cervelli. In sole 504 parole, Cecilia Dolcetti Casotto (una psicologa!) spiega ai poveri lettori de “Il Mattino di Padova", le cause scatenanti dell’omosessualità - e dalla stessa testata, fortunatamente, le risponde il bravo e preparatissimo Paolo Rigliano (psichiatra e psicoterapeuta sessuologo)…

MAGGIO 2004

Firenze. Tre rumeni violentano per punizione un viado brasiliano di 26 anni. A ordinare la spedizione un connazionale 37enne al quale il viado ha rifiutato di corrispondere il 50% dei suoi guadagni per continuare a vivere insieme ad un altro viado di 29 anni nel suo appartamento.

Da un trafiletto de "L'Unità", 25 Luglio 2004

 

 

<bgsound src="musica/15swing.mid" playcount="10">
2004
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.