Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

1995

???. L’Enciclopedia Zanichelli pubblica quanto segue…

1995

Milano. L’Enciclopedia Universale Garzanti (Garzanti Editore), pubblica quanto segue…

1995

Novara. La Grande Enciclopedia Illustrata De Agostini (De Agostini, Novara), pubblica quanto segue…

FEBBRAIO 1995

Palmi (Reggio Calabria). Giuseppe Cimino, un uomo anziano, è ucciso nel suo appartamento con una serie di coltellate al viso. Arrestato e poi uscito per decorrenza dei termini di custodia cautelare un minorenne di 16 anni, Andrea Jolibert.

20 MARZO 1995

Modena. Un ex fornaio di Nonantola è accoltellato nei pressi del cimitero di Modena. Reo confesso un giovane di 22 anni originario di Messina, Paolo Crinò, che si giustifica dichiarando: "Mi chiedeva di fare cose che io non volevo".

24 MARZO 1995

Firenze. Gianfranco Cuccuini, pensionato ex tipografo, 65 anni, sposato con due figli, è massacrato con 28 coltellate nel negozio di oggetti sacri in cui faceva saltuariamente il commesso. Trovate tracce di crema fresca e abbondante vicino agli organi genitali e sugli slip. Per il resto nessun furto, niente lotta. L’assassino non è mai stato identificato.

28 MARZO 1995

Roma. Francesco Privitera, 53 anni che vendeva dischi usati a Porta Portese, è trovato per strada con il cranio sfondato, davanti alla sua abitazione al Prenestino.

7 APRILE 1995

Lombardia. Giosuè Rindinella, 23 anni, confessa di aver ucciso fracassandogli la testa con una pentola ed altro, Giovanni Maggi, di 24.

30 APRILE 1995

Ladispoli (Roma). Don Pietro Contaldo, 53 anni, è trovato impiccato con un cordino alla maniglia di una porta del suo appartamento. L'omicida è un polacco di 19enne, Pelka Artur, che dopo l’assassinio torna nel suo paese dove è tratto in arresto e condannato a quindici anni di reclusione. Egli nega che vi sia stato rapporto sessuale, ma tutto dimostra il contrario, secondo l'ormai consueto copione: strangolato, legato, il corpo seminudo, in casa sparse alcune riviste porno, rubati solo alcuni oggetti di scarso valore. Il processo dovrebbe svolgersi anche in Italia, ma non ne è chiaro l'iter dato che l'imputato è contumace e non è prevista l'estradizione.

21 (o 23?) MAGGIO 1995

Roma. Emilio Crevatin, 64 anni, affittacamere ed ex arredatore, è trovato con il cranio fracassato nel suo appartamento di Via del Boschetto.

5 SETTEMBRE 1995

Ostra (Ancona). Stefano Bozzi, 22 anni, cuoco, muore ucciso con 10 coltellate inferte da Christian Gabbianelli, 22 anni, giardiniere, il compagno che aveva lasciato da poco.

15 SETTEMBRE 1995

Roma. Giuseppe Malatesta, 56enne titolare di una pensione, è massacrato di botte nel suo appartamento di Via Tasso. Muore per le percosse subite, fatale un colpo di karatè alla gola. Dopo l'omicidio, l'assassino lo deruba. La Procura ha richiesto il rinvio a giudizio per uno spogliarellista in locali gay di 23 anni, ma il Gip non ha ritenuto di procedere.

 

 

<bgsound src="musica/26HadtobeU.mid" playcount="10">
1995
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.