Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

ESTATE 1999

Cesena. La piazza Aldo Moro, ex parcheggio Arrigoni, noto luogo di ritrovo gay, è da mesi oggetto di schedature, intimidazioni, falsi adescamenti da parte delle "Forze dell'ordine". Analoga situazione si registra a Lido di Classe. In risposta agli abusi compiuti sulla locale comunità LGBT*, il 30 settembre Davide Santandrea fonda con altri il circolo omosessuale "Dario Bellezza".

GIUGNO 1999

Bologna. Sergio Lo Giudice, consigliere comunale dei Democratici di Sinistra e Luigi Valeri, entrambi membri dell'Arcigay, sono insultati e presi a calci e sputi da un consigliere di Alleanza nazionale del quartiere Santo Stefano e da suo figlio. In seguito alla denuncia i due si scusano pubblicamente.

28 GIUGNO 1999

La Spezia. Vittorio Crociani, commesso 52enne, è trovato cadavere nella sua casa, nudo nella vasca da bagno. Il caso è archiviato come morte per malore, ma la stampa insinua il sospetto che le cose non stiano proprio così. “Stranamente” risultano spariti i suoi monili d’oro.

19 AGOSTO 1999

Torre del Lago (Lucca). Squadristi di destra spalleggiati da una parte della popolazione locale e da alcuni esponenti politici contrari alla presenza del turismo LGBT*, si rendono protagonisti di una lunga serie di minacce, aggressioni e vandalismi contro il locale “Mamamia” che organizza eventi e concerti per animare l’estate torrelaghese, e contro le persone che vi assistono. La sera del 19, dopo aver sabotato il palcoscenico montato in riva al lago dove è in programma uno spettacolo di cabaret, l’aggressione: «Tornate nei lager, siete spazzatura», minacce, insulti, spintoni, sputi. Lo spettacolo è interrotto, lo scontro fisico violento è evitato grazie alla presenza di 50 poliziotti che non possono evitare d’intervenire. In seguito alla spedizione punitiva scattano alcune denunce, vi sono numerose interpellanze parlamentari e cade la circoscrizione di Torre del Lago.

9 SETTEMBRE 1999

Roma. Il cadavere di una transessuale, uccisa con una ventina di coltellate, è trovato ai Piani di Caiano.

1° OTTOBRE 1999

Piacenza. Antonio Fornasari, 72 anni, mago, conosciuto col nome di Marcus, è trovato in camera da letto, in mutande e maglietta, con una profonda ferita da taglio alla gola, semicarbonizzato. L’omicida, Giuseppino Veneziani, 49 anni, tossicodipendente, dichiara di aver ucciso perché non sopportava più le avances dalla vittima. I due si conoscevano da anni e da un paio di settimane Veneziani viveva da lui ricambiandone l’ospitalità con piccoli lavori domestici. Dati i precedenti (Veneziani ha ucciso nel 1983 il suo socio in affari con un colpo di rivoltella e poi gli ha dato fuoco – 13 anni di reclusione) è condannato all'ergastolo. Alla buon’ora!

1° OTTOBRE 1999

Napoli. Sergio Maiocchi, 29 anni, visagista, dopo un diverbio è ucciso a coltellate in Piazza Bellini, di fronte a un bar frequentato anche dai gay partenopei, da Gaetano De Robbio, 24 anni, disoccupato sieropositivo, amico della vittima da cui, fra l’altro, è ospite. È accertato che tra i due vi è una relazione sessuale, ma l'omicida pare non essere consapevole della propria omosessualità. Quando gli amici dichiarano che la vittima viveva la sua omosessualità con molta disinvoltura, la famiglia Maiocchi nega con forza che questo risponda a verità.

6 OTTOBRE 1999

Mesagne (Brindisi). Giovanni Lezzi, 33 anni, impiegato in una banca di Lecce, è ucciso con un colpo di fucile alla testa e poi bruciato insieme alla sua auto in un uliveto. Ucciso con un proiettile anche il suo cane. Gli inquirenti sospettano che all'omicidio abbiano partecipato più persone, ma solo Carlo Pastore, 18 anni, che lo frequentava da tempo, è tratto in arresto e incriminato.

22 OTTOBRE 1999

Roma. Antonio Texera Dos Santos, brasiliano di 27 anni, trans, è trovato morto in Via del Cappellaccio sotto il viadotto della Magliana, con le gambe e le mani e legate dietro la schiena, impacchettato in una busta di immondizia, telo mimetico e cartoni chiusi con corde. Si prostituiva nella zona della Piramide, dove abitava.

NOVEMBRE 1999

Torino. Pasquale Corvino, 56 anni, è trovato cadavere nella sua casa, legato ad una sedia, imbavagliato e con una patata in bocca. L’assassino, Davide Gatti, 26 anni, si difende dichiarando che si è trattato di un gioco erotico finito male (!!!). Gli inquirenti lo rinviano a giudizio per omicidio a scopo di rapina.

27 NOVEMBRE 1999

???. Probabilmente per giustificare un ritardo di fronte al padre che la percosse in seguito ad esso, studentessa denuncia di essere stata ripetutamente e brutalmente violentata da un’amica alla quale era sentimentalmente legata. I giudici non le credono e il 27 settembre assolvono con formula piena l'amica dall'accusa di violenza sessuale.

5 DICEMBRE 1999

Brescia. Nelle campagne di Ospitaletto è trovato il corpo senza vita di Eulario Marciano, 30 anni, transessuale brasiliano.

 

 

<bgsound src="musica/22Poincana1.mid" playcount="10">
1999
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.