Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

25 APRILE 1993

Torino. Enrico Audino, infermiere 50enne. muore strangolato da ignoti che poi lo derubano. Il corpo è trovato con le mani legate.

13 GIUGNO (o Agosto?) 1993

Mazzarà (Messina). Giuseppe Mandanici, che spesso si prostituisce in abiti femminili, muore in seguito alle gravi complicazioni dovute a tre colpi di pistola sparati da due giovani ingaggiati da suo padre, Vincenzo Mandanici, un vivaista di 58 anni, che non ha mai accettato l’omosessualità del figlio e più di una volta lo ha picchiato per questo. La sentenza d'appello lo assolve per non aver commesso il fatto e dimezza la pena ai due sparatori.

21 GIUGNO 1993

Cisterna (Roma). Aldo Comandini, 45 anni, muore strangolato e con il cranio sfondato nella sua casa. Frequentava nordafricani.

23 AGOSTO 1993

Calabria. Antonio Maldonato. 48 anni, muore assassinato a colpi di pistola.

OTTOBRE 1993

Cagliari. Roberto Pinna, 35 anni, infermiere, è spinto da un sedicenne in un canale dove muore annegato. Il giovane si giustifica dichiarando di aver reagito alle avances dell’uomo. Il tribunale di Cagliari gli crede e lo assolve.

14 NOVEMBRE 1993

Caserta. Annibale Paris, 47 anni, di Albano Laziale, è ucciso in un cinema a luci rosse. In tasca un numero telefonico con scritto "se mi succede qualcosa". Arrestato Francesco Marino di 20 anni, di Aversa.

28 NOVEMBRE 1993

Milano. Luigi Brancaleon, un benestante pensionato di 67 anni, ex collaboratore di una rivista di moda, è ucciso a forbiciate nel suo appartamento di viale Piceno. Il suo corpo è trovato in avanzato stato di decomposizione quasi un mese dopo l’omicidio, nudo sul letto, le mani legate dietro la schiena, caviglie bloccate da cinture, in bocca uno straccio per impedirgli di gridare. L’assassino, Mohammed Koudri, algerino di 29 anni già noto alle forze dell'ordine per furti, rapine e una tentata strage, lo deruba di un portafoglio quindi se ne va chiudendo la porta a chiave. Arrestato due mesi dopo è riconosciuto colpevole anche dell'omicidio di Gianfranco Turata avvenuto nel Febbraio 1994.

1993

NORVEGIA. Le coppie omosessuali registrate godono degli stessi diritti delle coppie sposate eterosessuali.

 

 

<bgsound src="musica/49ThereWillNeverBeAnotherYou.mid" playcount="10">
1993
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.