Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

1989

Milano. La Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli-Larousse (Rizzoli Editore), pubblica quanto segue…

1989

Torino. Il Grande Dizionario Enciclopedico (UTET, 4° edizione), pubblica quanto segue…

GIUGNO 1989

DANIMARCA. Le coppie omosessuali registrate possono godere degli stessi diritti e hanno gli stessi doveri delle coppie sposate eterosessuali. Un/una partner registrato/a può adottare il figlio o i figli del/della compagno/a ma la coppia non può adottare altri figli.

A Copenhagen, in Ottobre, Axil e Eigil Axgil, insieme da 40 anni, diventano la prima coppia omosessuale al mondo ad essere sposata. Quello stesso giorno si sposano altre dieci coppie.

28 AGOSTO 1989

Lazio. Giuseppe Alibrandi di 52 anni, muore colpito con armi da taglio.

28 SETTEMBRE 1989

Lazio. Mickael Tartakowsky, 57 anni, è ucciso con un colpo di Karaté. Vi sono possibili connesioni con i servizi segreti.

31 OTTOBRE 1989

Genova. Salvatore Barraco, cameriere di 54 anni, muore soffocato nel suo appartamento di Vico delle Pietre Preziose, con un pezzo di gommapiuma infilato in bocca. È trovato con una sciarpa di lana stretta attorno al volto, legato mani e piedi. Nessun furto. L’uomo frequentava extracomunitari. Il caso è riaperto nel 2004 in seguito all’omicidio di Luigi Roncallo.

NOVEMBRE 1989

GERMANIA. A Berlino è istituito il Centro per lo stile di vita omosessuale. Per la prima volta un ufficio pubblico è posto in diretta rappresentanza della comunità gay e lesbica tedesca.

2 DICEMBRE 1989

Milano. Charles Leon Dorfeouil, uno stilista belga di 48 anni, muore accoltellato nella sua casa. L'autore dell'assassinio, rimasto sconosciuto, prima di sparire deruba la vittima.

1989

Milano. Massimo Mariotti, giovane impiegato di banca, è fotografato con alcuni preservativi in mano a una manifestazione della Lila (Lega italiana lotta aids) ed è sospeso per 5 giorni dal lavoro per omosessualità manifesta. Si rivolge alla Cgil e, dato che ci troviamo negli anni Ottanta, non nel Ventunesimo secolo, è immediatamente reintegrato. Successivamente diviene il responsabile dello sportello Cgil del centro gay di Milano.

Da un articolo di Delia Vaccarello pubblicato su “L’Unità” l’11 Novembre 2004.

 

 

<bgsound src="musica/63BodyAndSoul.mid" playcount="10">
'80
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.