Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Lunedì 03-Ago-2009

 

Firenze, Pisa e d'estate tutti a Torre del Lago. Se la località versiliana sta assumendo sempre più le caratteristiche di una capitale del divertimento, il capoluogo della provincia offre un'unica possibilità per i gay in cerca di luoghi di socializzazione: la migrazione serale in centri urbani più allettanti. La ricca Lucca si è da sempre rivelata avara di spazi per la comunità gay e lesbica. O meglio sarebbe più corretto dire per le persone omosessuali, perché in una città che ha un tasso di visibilità tendente allo zero, parlare di comunità sarebbe come voler definire Torre del Lago una "metropoli del mediterraneo".

Ma dallo scorso autunno vi è una novità assoluta. Accanto al "SacroVolto", venerato dai molti devoti della "città delle cento chiese", se ne è costituito un "altro", quello dell'associazione "Lucca gay e lesbica/L'Altro Volto" (altrovolto@gay.it tel. 349.8100203). Ce ne parlano Massimiliano, Cinzia e Giacomo, tre giovani appartenenti al gruppo dei fondatori della prima associazione omosessuale lucchese che si ricordi dai tempi del Fuori.

"Siamo una quindicina - spiega Giacomo - dai 18 ai 40 anni. Non è un caso che il nostro slogan pubblicitario sia "ci sono gay anche a Lucca". E nemmeno pochi, si potrebbe aggiungere, anche se non sono visibili. Malgrado ci siano locali con proprietari gay friendly come il Moplen e il Betty Blue, non esistono veri e propri luoghi di ritrovo, a parte i soliti battuage. La comunità gay è invisibile o meglio in quanto tale non c'è proprio. La chiusura totale è una caratteristica di questa città". "L'idea - afferma Massimiliano - è stata quella di costituire un'associazione diversa dalle altre presenti in Toscana. Parliamoci chiaro: essere gay a Pisa, Firenze o Livorno è molto più facile. Quali altre realtà si trovano a fare i conti con organizzazioni come Forza Nuova? Noi fin dall'inizio abbiamo voluto considerare le peculiarità di Lucca". Per i tre giovani chiarire gli obiettivi della nuova associazione e cercare di spiegare la profonda diversità lucchese rispetto al contesto regionale non sono cose da poter separare.

"Stare per conto proprio - interviene Cinzia - è una caratteristica di tutti i lucchesi. Ed è forse anche un po' per questo che abbiamo scelto di non affiliarci ad Arcigay. Vogliamo dialogare con tutte le realtà gay e lesbiche come anche con l'esperienza del Social Forum. Il nostro punto di riferimento sono più in generale tutte le forze progressiste. Anche al nostro interno non ci sono solo persone omosessuali. Diverse ragazze eterosessuali ci hanno aiutato ad organizzare iniziative come la festa in occasione del 25 aprile al circolo culturale Mattaccio, perché la discriminante della nostra associazione è di essere antifascista, antirazzista e contro la guerra. Chi è vittima della violenza dovrebbe essere il primo a farsi promotore di una cultura non violenta".

"Quel che ci ha sorpreso - sottolinea Giacomo - è la capacità d'ascolto da parte delle giovanissime generazioni. Le nostre prime iniziative sono stati incontri nelle scuole superiori che hanno riscosso un grande successo. Ed è indicativo, perché se a Lucca qualche primo segnale di visibilità inizia ad esserci, ciò è dovuto al cambiamento di atteggiamento dei gay più giovani che sono molto più liberi anche rispetto alla nostra generazione di trentenni. Quando andavo a scuola la situazione era completamente diversa. E tuttora molti gay miei coetanei non si farebbero mai vedere a nostre iniziative pubbliche".

"Un problema grosso è la presenza di Forza Nuova - precisa Cinzia - che in città si fa sentire spesso. Sanno come muoversi, non sono sprovveduti, hanno una doppia faccia. Nelle interviste pubbliche non dicono di essere fascisti, ma su omosessualità, aborto e famiglia hanno le posizioni tipiche delle forze di estrema destra. Ovviamente slogan di nazista memoria come il "gay raus" scritto a fine giugno sulla vetrina della Libreria Baroni che ospitava due presentazioni di libri organizzati da noi per la celebrazione del Gay Pride, non sono da loro ufficialmente rivendicati. Ma è chiara la provenienza".

"In quel caso - interviene Massimiliano - l'Amministrazione comunale di centrodestra espresse solidarietà solo ai proprietari della libreria. A noi, che eravamo il bersaglio delle scritte, niente. Già in precedenza erano apparse scritte con nome e cognome di un negoziante seguito dalla solita intimidazione Gay Raus. Si espongono ufficialmente quando sanno di poter contare sulla copertura politica. Come il 25 aprile di due anni fa che ebbero in concessione dal Comune una piazza e un edificio pubblico per commemorare un gerarca fascista ed esposero tranquillamente una bandiera con la croce celtica. Furono denunciati per apologia di reato ma il tutto si risolse con un nulla di fatto. Anch'io, a seguito della diffusione di un volantino con contenuto razzista ed omofobo, ho esposto denuncia. Ma, visto i precedenti, non nutro molte speranze". Nell'ex isola bianca della rossa Toscana che ultimamente, con la maggioranza relativa ad Alleanza Nazionale, sembra essersi tinta di ben altri colori, i "valori della tolleranza" appaiono protesi verso lidi che con i gay non familiarizzano affatto.

"La presenza neofascista - interviene Cinzia - in diversi casi rischia di condizionare la vita delle persone omosessuali. Una volta due ragazze lesbiche furono accerchiate, minacciate e insultate da ragazzi di Forza Nuova. In una società civile è intollerabile che possano verificarsi episodi di questo genere. E che più in generale la cultura gay non trovi alcun riconoscimento".

"Avevamo chiesto lo scorso 25 aprile - riprende Massimiliano - di poter partecipare in quanto circolo alle celebrazioni ufficiali. Ma il giorno prima in via ufficiosa ci è stato comunicato che ciò non era possibile. In Italia non sarebbe stato la prima volta che un'associazione gay veniva ammessa ufficialmente alle celebrazioni. Era già avvenuto a Verona, a Siena, a Sant'Anna di Stazzema."

"Sappiamo che il percorso è lungo e difficile - sottolinea Cinzia - ma faremo di tutto per organizzare momenti pubblici di visibilità. Abbiamo in cantiere un altro ciclo d'incontri con i ragazzi delle superiori che hanno lo scopo di affrontare il tema dell'omosessualità dal punto di vista del percorso personale. Per noi il problema della visibilità e della creazione di luoghi di aggregazioni gay è fondamentale. C'è stato un bar gestito da due lesbiche, ma è durato poco. Le vecchie generazioni hanno l'abitudine di trovarsi nelle case a giocare a carte".

"Molti altri vanno a Torre del Lago - aggiunge Giacomo - che rappresenta per i gay lucchesi la libertà di frequentare locali. Tuttavia il problema non si risolve solo migrando in altri posti, ma riuscendo a non reprimersi ad essere sempre se stessi anche nella città in cui si abita, si vive. E' una scelta personale che mi sento di consigliare, ma non è facile senza una comunità di riferimento. Perché anche la felicità è un diritto da rivendicare collettivamente e non solo un percorso individuale".

 

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.