Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...

Riordinando i documenti che compongono questa sezione, per caso ho rivisto in sequenza prima la foto di Bella Martinez, transessuale ventiquattrenne morta assassinata a Los Angeles, e poi quella di Fanny Ann Eddy, attivista lesbica madre di un bambino morta l’anno scorso, anch’essa brutalmente assassinata.

Come sempre ho cercato nello sguardo la vita, nei tratti somatici la storia – e sono precipitata in un abisso disperante. Furono persone che amarono, soffrirono, risero. Sognarono e lottarono per un mondo libero nel quale ogni persona abbia il diritto di vivere, libera - e per questo morirono. Assassinate. Perché la smettessero di ricordarci quanto stupidamente conduciamo le nostre esistenze, in quante anguste galere le costringiamo trascinandoci appresso fantasmi, consanguinei e simili, di quali feroci indifferenze e violenze siamo capaci – pur di non vedere, continuare a non capire, crederci superiori anche a costo della vita degli altri, spesso sulla loro pelle, dimentichi che non c’è libertà per nessuno là dove la libertà non è di tutti.

Di queste donne belle e rare, mai più respiri, parole, odori. Solo fotografie e parole - scritte. Grida di dolore - inascoltate, solitarie. E orgoglio, bellezza, dignità.

Giustizia, verità, amore - ogni anima oltraggiata non chiede che questo, e per questo vive, paga, troppo spesso muore a causa dell’odio e del disprezzo, in un silenzio che espone e rende complici.

Idealmente stringo e fortemente amo chi getta il suo corpo nella lotta anche a costo di perderlo – perché la vita di un essere umano nulla vale e a nulla serve se è acritica, asservita sopravvivenza senza consapevolezza, generosità, partecipazione.

(C. Ricci - Luglio 2005)

Contattaci!
Aggiornato Sabato 23-Dic-2006


 

28 SETTEMBRE 1991

Taranto. Gianfranco De Tommasi, 47 anni, insegnante, muore assassinato da ignoti nel suo appartamento.

17 OTTOBRE 1991

Canicatti Bagni (Sr). Salvatore Bosco, 19 anni, che ha una relazione con un giovane detto Amanda, è assassinato a coltellate da Santino Giuga, Angelo Romano, Carmelo Manenti e Gianfranco Campisi.

19 OTTOBRE 1991

Ginosa (Taranto). Domenico Valenzano Covella, pastore quattordicenne con ritardo mentale, è seviziato e ucciso da tre giovani del luogo a cui chiede un passaggio. Portato in un casolare di campagna, gli assassini abusano sessualmente di lui, gli fanno ingerire anticrittogamici, lo torturano con tagli da coltello e bruciature di sigarette. Domenico sviene, lo credono morto, lo chiudono in un sacco e gettano in un pozzo, dove annega. Dei tre feroci assassini, il minorenne è dato in affidamento, mentre i due maggiorenni (Vito Galante e Giuseppe Branca) sono condannati all'ergastolo.

19 OTTOBRE 1991

Lazio. Patrizio Khalefi, 42 anni, muore assassinato a colpi di pistola. Si sospetta il coinvolgimento dei servizi segreti.

3 NOVEMBRE 1991

Marino (Roma). Sergio Iori, 53 anni, impiegato di banca, sposato, una figlia, muore accoltellato e lasciato seminudo ai bordi di una strada secondaria. L’assassino rimasto ignoto, dopo averlo ucciso gli ruba l'auto e i soldi.

20 NOVEMBRE 1991

Lentini (Siracusa). Filadelfo Innao, parrucchiere 25enne, gay dichiarato e benvoluto, muore in seguito a diverse revolverate sparate dal figlio 17enne del suo ex, un noto commerciante del luogo, che con l’assassinio intende vendicarsi dell’onta che ha infangato il nome della sua famiglia.

22 DICEMBRE 1991

Toscana. Salvatore sottile, un giovane tossicodipendente, uccide a bastonate Aldo Fontanini, 59 anni.

DICEMBRE 1991

Taranto. Gianfranco De Tommasi, 47 anni, insegnante, muore assassinato da ignoti.

1991

USA. L'American Psycoanalytic Association (APsaA) approva un documento in cui deplora ogni discriminazione pubblica e privata nei confronti delle persone omosessuali, e invita i suoi istituti a selezionare i candidati al training non sulla base dell'orientamento sessuale dichiarato o supposto, ma solo in base a criteri selettivi relativi al talento, la preparazione culturale, l'integrità psicologica e all'effettivo interesse verso la psicoanalisi. Un anno dopo, il documento è integrato con un emendamento che ribadisce la piena possibilità di accesso dei candidati omosessuali alle posizioni di analista didatta e supervisore.

 

 

<bgsound src="musica/64BlueMonk.mid" playcount="10">
1991
...
Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.
Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.