Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

L’ho visto. L’ho trovato di una retorica, di una superficialità e di una scontatezza avvilente - un’ora e mezza di luoghi comuni a palate. Un’offensiva, generalizzata esemplificazione della realtà. Un’allegoria evidentemente destinata ad un’audience di semi-mentecatti. Tutte le maschere umane prese a modello per dire a questo popolo di “ottusangoli”, ammorbati dal catechismo “usa e getta” della nostra ipocrita cultura, quel che vogliono sentirsi dire: “se ti comporti male sarai punito, se ti comporti bene sarai premiato - ma non preoccuparti, questa è una favola, la vita per fortuna è un’altra cosa”...

Bella morale, non c’è che dire, frutto dell’italico cattolicesimo che istruisce alla tolleranza e poi, di fronte al diverso, istiga alla discriminazione, consente l’uso di due pesi e due misure, dice “siamo tutti fratelli ma c’è differenza fra quelli buoni e quelli cattivi” (quelli buoni si sposano, fanno figli biologici, hanno diritto ad una casa, possono scambiarsi effusioni per strada, possono prendersi cura dei loro compagni malati e via dicendo - quelli cattivi no).

Ne “Il bello delle donne” c’è il plagio (“Cuori nel deserto” nella scena delle due che fanno shopping, ad esempio) e c’è persino il lieto fine (che non ci fa dispiacere, dopo tanto sangue e sofferenze cinematografiche). Insomma, un’improbabile pizza quattro stagioni piena zeppa di tutto quello che poteva umanamente starci: da guinnes dei primati.

Le protagoniste sono brave e carine, le scene riservate al loro menage, delicate. Nulla che possa disturbare o offendere davvero - se l’obiettivo degli autori era farsi guardare senza scandalizzare e scontentare troppo, è stato centrato in pieno.

C. Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.