Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

A.d. MMIII, sei settembre. Le previsioni dei soliti menagramo davano brutto tempo, scarsa affluenza, poca partecipazione – e invece…

La stima ufficiale parla di 1.800 persone, ma non ve n’erano meno di 2.400! Per la sonnacchiosa, mortifera, reazionaria Lucca un evento di portata storica che ha coinvolto associazioni GLBTT provenienti da tutta Italia, enti locali, organizzazioni sindacali e politiche di centro sinistra, istituzioni e cittadini ignari che invece di finirsi le scarpe facendo la consueta passerella su e giù per Via Fillungo, una volta tanto hanno potuto cantare, ballare, guardare in faccia “L’altro volto” della loro ipocrita città. Omosessuali, lesbiche, trans, etero, famiglie con bambini, militanti vecchi e nuovi, simpatizzanti, volontari del variegato universo no-profit – una festa gioiosa, pacifica e colorata ha attraversato la città: in testa lo striscione con il titolo della manifestazione “Il silenzio è connivenza” e il piccolo carro proveniente da Torre del Lago con Regina che a tempo di musica ha ritmato il corteo, subito dopo il Sindaco Pietro Fazzi con tanto di fascia tricolore e gonfalone del comune al seguito, i rappresentanti delle istituzioni, gli organizzatori della manifestazione (l’associazione “L’Altro Volto – Lucca Gay e Lesbica” e “ArciGay Toscana”) e via ballando sino alla coda del corteo che non è potuto entrare in Piazza Cittadella, troppo piccola per contenere tutti, dove il Sindaco Pietro Fazzi quasi non ha potuto parlare a causa della rumorosa contestazione inscenata dagli irriducibili dello scontro ad ogni costo e soprattutto dall’Assemblea Spazi Autogestiti che ha abbandonato la Piazza dopo essere stata invitata con forza dagli organizzatori ad un comportamento più rispettoso.

Ferma e immediata la condanna dei promotori che avevano chiesto ai partecipanti, se proprio non volevano farne a meno, forme civili di dissenso che non potessero essere strumentalizzate dalla stampa e dalle forze politiche, cosa che peraltro, fortunatamente, sino ad ora non è avvenuta.

Tanti i momenti divertenti o commoventi della manifestazione. Una vecchietta che alla partenza del corteo si fa il segno della croce ed un’altra che si mette a ballare al ritmo di “Vamos a bailar” di Paola e Chiara, le bocche spalancate dei lucchesi ai bordi delle strade, lo sguardo sdegnato di troppi commercianti, il fuggi fuggi davanti alle telecamere, gli applausi spontanei sotto le finestre dei pochi che ancora espongono la bandiera della pace e quello ancora più significativo che accompagna il corteo per tutta via San Paolino dove, di fronte alla vetrina infranta della libreria Baroni, cantando “Bella ciao”, si fanno più fragorosi mentre la signora Alberti, proprietaria insieme al figlio Cristiano della stessa, si scioglie in lacrime. Indimenticabile, poco dopo in Piazza Cittadella, la faccia del sindaco Fazzi, “costretto” a posare per alcune fotografie fra due splendide Drag Queen.

E poi i triangoli rosa al cui interno spiccava la frase “DECRETO LEGISLATIVO del 9 luglio 2003, n. 216 - attuazione della direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro: i GAY, le LESBICHE, i/le TRANS, gli invalidi e i non cattolici ringraziano il ‘POLO DELLE LIBERTÀ’ per averci riportato INDIETRO DI 70 ANNI! VERGOGNA!” e i cartelli, tantissimi: quello di un rappresentante della comunità zingara sinta presa di mira da un sedicente gruppo nazi-fascista, “Ci siamo anche noi, cari lucchesi!”, quelli che richiamavano le responsabilità politiche dell’amministrazione di centro-destra che ha patrocinato, finanziato e concesso spazi pubblici ad iniziative di Forza Nuova avallandone l’ideologia razzista e fascista (Pietro Fazzi ha scaricato dal palco le sue colpe attribuendole al centro sinistra reo di aver permesso che questa si candidasse alle elezioni come partito legittimamente costituito), quelli a favore delle unioni civili, contro le discriminazioni (“Lucca città razzista? Fazzi dimostraci il contrario!”, “L’intolleranza uccide – la diversità è una ricchezza”), contro l’omertà (“Germania 1933/1945: omosessuali deportati 30.000… morti 15.000! Basta silenzio!), il disconoscimento (“2.500 anni di storia e cultura omosessuale e nemmeno un grazie!), la visibilità (“Noi siamo a volto scoperto e voi?”), la fede (“Dio ama chi ama – Dio non discrimina”) e naturalmente l’orgoglio omosessuale (“Grazie a Dio sono lesbica”, “Sono Gay e va bene così!”) ma non solo (“Gay, Lesbiche, Trans, Etero… che problema c’è?”). Tamburi, bandiere ed un magnifico festone Raimbow realizzato con i palloncini colorati – insomma, un Gay Pride in piccolo, una prova generale in attesa delle celebrazioni del 2004 che, presumibilmente, si terranno in Toscana.

Una risposta immediata (organizzata in poco più di una settimana), sinceramente partecipata, che lascia un segno tangibile e inequivocabile contro gli atti intimidatori che hanno colpito la comunità Gay e Lesbica lucchese attraverso la libreria Baroni e il Pub After Dark, e che nell’intervento applauditissimo del presidente della Provincia Andrea Tagliasacchi, ha avuto il momento di maggior intensità quando, lasciando tutti piacevolmente colpiti, ha gridato a gran voce: «Dobbiamo rispettare questo movimento che sta nascendo nella nostra città e che ci sta insegnando cosa è il rispetto! Ringrazio i ragazzi e le ragazze gay e lesbiche che vivono sulla propria pelle l’ipocrisia della nostra città». Apprezzamento ma anche ovvie perplessità ha suscitato il comunicato conciliante inviato agli organizzatori dall’Arcivescovo Bruno Tommasi il quale, com’è nel costume ecclesiastico, pur non riferendosi mai all’omosessualità e ai danni dell’integralismo cattolico, contraddice almeno nella forma la recente presa di posizione omofoba e razzista sostenuta dal Cardinale Ratzinger e sottoscritta dal Papa. Significativa la presenza di Michele Bellomo, portavoce del BariPride 2003, recentemente oggetto di un odioso pestaggio, che ha portato la sua solidarietà alle vittime delle intimidazioni fasciste. Pierpaolo Donnarumma, presidente della Circoscrizione n. 1, a nome dell’intero consiglio ha rivendicato con orgoglio il coraggio di ospitare l’associazione “L’Altro volto” e le ha rinnovato il suo pieno e incondizionato appoggio. Infine ha preso la parola Giulio Maria Corbelli, presidente della stessa, dichiarando che il movimento gay e lesbico lucchese non è interessato alle contrapposizioni sterili, ma cerca un dialogo costruttivo con le varie anime politiche e culturali della società civile e delle istituzioni affinché si affermi anche a Lucca la cultura del rispetto dando alle istanze e alla progettualità del movimento LGBT* locale il riconoscimento e il sostegno che meritano. Al sindaco, che in seguito alla contestazione ormai se n’era andato, ha chiesto atti concreti: «Signor Sindaco» – ha detto – «oggi ha sfilato insieme a noi ma non basta, l’aspettiamo alla prova dei fatti».

C. Ricci

 

 

Organizzatori:

L’Altro Volto – Lucca Gay Lesbica
Arcigay Toscana

Istituzioni:

Senato della Repubblica, Marcello Pera, presidente
Regione Toscana, Claudio Martini, presidente
Presidente della Repubblica Italiana, Azelio Ciampi

Consiglio Regionale della Toscana:

Riccardo Nencini, presidente Consiglio Regionale della Toscana
Enrico Cecchetti, vicepresidente Regione Toscana
Carla Guidi, assessore Provincia di Lucca
Andrea Tagliasacchi, presidente Provincia di Lucca
Emanuela Tempestini, consigliera Comune di Lucca
Pietro Fazzi, Sindaco Comune di Lucca
Roberta Bianchi, consigliera PRC Comune di Lucca
Gruppo consiliare Ulivo Circoscrizione 1 Centro Storico Lucca
Pierpaolo Donnarumma, presidente Circoscrizione 1 Centro Storico Lucca
Gabriele Torri, vicepresidente Circoscrizione 1 Centro Storico Lucca
Mario Petrocelli, consigliere AN Comune di Pisa
Paolo Fontanelli, Sindaco Provincia di Pisa
Gino Nunes, presidente Provincia di Pistoia
Gianfranco Venturi, presidente Provincia di Massa Carrara
Osvaldo Angeli, presidente Comune di Firenze
Gruppo consiliare DS Comune di Gallicano
Giovanni Ardello Pellegrinotti, Sindaco Comune di Castelnuovo Garfagnana
On. Maura Vagli, assessore cultura Comune di Barga
Umberto Sereni, Sindaco Comune di Capannoni
Michele Martinelli, Sindaco Comune di Altopascio
Giorgio Ricciarelli, Sindaco Comune di Stazzema
Gian Piero Lorenzoni, Sindaco

Parlamentari:

Luciano Modica, senatore DS
Raffaella Mariani, deputata DS
Franco Grillini, deputato DS
Titti De Simone, deputata Rifondazione Comunista
Graziella Mascia, deputata di Rifondazione Comunista

Rappresentanti della Resistenza:

Comitato Amos Paoli di Seravezza
Ennio Mancini, direttore del Museo Storico della Resistenza di Sant'Anna di Stazzema Museo Storico della Resistenza di Sant'Anna di Stazzema
Angiolo Gracci, comandante della Brigata "Garibaldi", medaglia d'argento al valor partigiano.

Associazioni cittadine:

Arci di Lucca
ManiTese di Lucca
Collettivo Lu_cia
ASA (assemblea spazi autogestiti di Lucca)
Garfagnana Social Forum
Associazione Valfegana
Luca Zacchi, Rete Evangelica Fede e Omosessualità
“Vivere Lucca”
“Quarto Mondo” di Empoli
“Ambiente e Futuro” di Lucca
Circolo culturale “Il Mattaccio,” Tassignano
Coordinamento lavoratori immigrati, Lucca
Comitato Lucchese contro la Guerra
“Cittadinanzattiva”

Organizzazioni di Partito:

Democratici di Sinistra di Lucca
Margherita di Lucca
Verdi di Lucca
Partito dei Comunisti Italiani di Lucca
Sinistra Giovanile di Lucca
Democratici di Sinistra di Pisa
Sinistra Giovanile di Pisa
Democratici di Sinistra della Versilia
Rifondazione Comunista di Lucca
Giovani Comunisti di Lucca
Gruppo donne di Rifondazione
Rifondazione Comunista segreteria Regionale Toscana
Giovani Comunisti della Versilia
Partito della Rifondazione Comunista
Giovani Comunisti
Circoli della Garfagnana e mediavalle del Serchio
Movimento per la confederazione dei comunisti
Ass. Radicale Libere Chiese in Libero Stato
Partito dei Comunisti Italiani di Firenze
Confederazione dei comunisti Sinistra giovanile di Pistoia Saverio Aversa, referente nazionale PRC-culture delle differenze
Comitato regionale toscano del Partito dei Comunisti Italiani

Organizzazioni dei lavoratori:

CGIL Lucca
CISL Lucca
CGIL Pistoia
Cobas Scuola
Confesercenti
Coordinamento Cobas di Lucca e Versilia
Federazione Rappresentanze Sindacali di Base RdB-CUB Lucca

Varie:

Centro Studi Teologici di Milano
Monsignor Bruno Tommasi, Arcivescovo di Lucca

Associazioni GLBTT:

Arcigay Nazionale
Arcigay Pride! di Pisa
Arcigay La Giraffa di Pistoia
Arcigay Leonardo da Vinci di Grosseto
Arcigay Ganimede di Siena
Arcigay G. Forti di Bari
Arcigay ORA di Roma
Arcigay L'Approdo di Genova
Arcigay La Rocca di Cremona
Azione Gay e Lesbica
MIT nazionale
MIT Toscana
Arcigay Pianeta Urano di Verona
Arcilesbica Verona
Circolo Pink Verona
Arcigay CIG di Milano
Aiuto Gay - Gay Counseling di Roma
ALI, Alternativa Lesbica Italiana
Antagonismo gay
GLO, Gruppo di Liberazione Omosessuale
Circolo Mario Mieli di Roma
DiGayProject - Roma
Sandra Alvino, A.I.T.

Ci scusiamo se l’elenco risultasse incompleto. Vi preghiamo di segnalarcelo in modo da poterlo aggiornare.

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.