Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

In Italia, è prassi l’accostamento omosessualità/pedofilia, soprattutto da parte di personalità pubbliche (della scienza, della politica, della cultura, della chiesa) che sanno perfettamente quanto sia mendace e strumentale questa equazione. Così, mentre noi ci scandalizziamo, ci facciamo prendere dallo sgomento o da vere e proprie crisi isteriche di fronte ai tabù agitati ad arte come spauracchi, di fronte a certe dichiarazioni riportate decontestualizzate da giornalisti e commentatori (tanto da assumere significati diversi, talora opposti al senso che probabilmente avevano - vedi l’accusa a Nicki Vendola di essere favorevole alla legalizzazione della pedofilia), in Olanda nasce il partito dei pedofili.

La pedofilia è una patologia ed oggi è anche un vizio, un passatempo, una moda che spinge eserciti di uomini (di qualsiasi estrazione sociale, livello culturale, età, spesso onorati padri di famiglia) a consumare rapporti sessuali senza più alcun freno inibitorio, discernimento, rispetto, considerazione della vita umana, cercandoli dietro casa, su Internet o in quei paesi che campano sul turismo sessuale, sullo sfruttamento dei minori e delle donne. Ma la pedofilia è soprattutto un reato gravissimo (il più odioso, sottovalutato e sottostimato insieme allo stupro delle donne e degli uomini adulti). Quando vi è circonvenzione, coercizione, abuso, ricatto, commercio, non si possono, non si devono fare sconti. Non esiste pulsione sessuale, esibizione ed esercizio del proprio potere, che abbia legittimità, attenuanti. I frequentatori delle prostitute non sono, in questo senso, migliori dei pedofili. Ma nemmeno si può fare di tutta l’erba un fascio.

Sulla sessualità dei minori, sui loro desideri - che sono stati anche i nostri, o quelli di una parte di noi! -, sui rapporti che si possono venire a creare fra minore e adulto talvolta di conseguenza a questi, ancora non è iniziato un serio dibattito, una seria e distaccata analisi capace di distinguerne le ragioni e i differenti piani (il peso di tradizioni che pochi decenni non possono cancellare, i casi specifici che vanno dalla sublimazione sino alla violenza passando per ogni possibile variabile, compreso l'incesto). Siamo all'inizio, o meglio, siamo alla caccia alle streghe - per comodità. Diversamente dovremmo ammettere cose che facciamo finta di non sapere, vedere: ciò che consideriamo mostruoso, ed anche molto di ciò che consideriamo "normale", accettabile, ma a logica non dovrebbe esserlo, ha origine a partire da noi stessi perché è nelle nostre case, nelle nostre famiglie, nella rete di relazioni parentali e amicali che alligna e si riproduce - in serie. Possiamo riferirci a forme di condizionamento che producono devianze comportamentali, aberrazioni ideologiche, psico-patologie individuali e collettive? Non siamo forse tutti figli di una cultura maschilista ed eterosessista che giudica e condanna la diversità, il piacere e il desiderio, implicitamente alimentandoli, in modo che il corpus sociale debba compattarsi intorno ad essi per inglobarli, fingere di combatterli? Le devianze, le difformità, sono un collante - se non ci fossero (e in effetti stiamo parlando di convenzioni - niente è in sé giusto o sbagliato), dovremmo inventarle. Tutto quello che è fuori norma tiene in piedi il sistema, lo conferma e rafforza.

Incesto, abusi e violenze sessuali - non sono eccezioni. Ben oltre la metà delle donne hanno subito da consanguinei, amici propri o di famiglia, colleghi e superiori (molto raramente da estranei) una o più aggressioni di questo tipo (consapevolmente o inconsapevolmente perché non tutti gli abusi e le violenze sono avvertite come tali). Se il maschio con l'età adulta può ribaltare i ruoli (e questo normalmente avviene), la donna no. Preda era e preda rimane - per tutta la sua esistenza. E preda resta anche nel caso divenga lei stessa cacciatrice.

L'argomento è complesso, estremamente vasto e delicato - ne discutono i medici, forse (talvolta male producendo disinformazione e terrore, facendosi strumenti di propaganda ideologica oppressiva e repressiva), non noi che medici non siamo. La resistenza ad affrontarlo la dobbiamo ad una sostanziosa e generalizzata dose d’ignoranza, ipocrisia, vergogna e paura (degli e per gli altri, di e per noi stessi). D'altronde, affidarsi solo al buon senso può non essere sufficiente per tentare un approccio più ragionevole, consapevole - pacificato.

L'attenzione dell'adulto per il minore e del minore per l'adulto (con tutte le implicazioni che possono generarsi e talvolta si spingono oltre i limiti considerati accettabili - ma vorrei ricordare che sino a pochi anni fa, un po' dappertutto, non solo al sud e in campagna, appena una femmina diventava "signorina" era "avviata" al matrimonio con uomini che potevano essere bambini loro stessi o vecchi, indifferentemente, e ciò non era affatto considerato strano, scandaloso o sconveniente - era normale, anzi, inevitabile), è cosa ovvia. Ovvio che nella maggioranza dei casi il minore "predato" divenuto adulto tenda a riprodurre la medesima dinamica, al contrario! Ovvio che i minori possano essere "affascinati" dagli adulti, talvolta così tanto da chiamarli a sé con molta più determinazione e lucidità di quanto ci sia possibile ammettere. Ovvio che gli adulti, specialmente maschi, siano a loro volta "affascinati", irresistibilmente attratti da tutte quelle caratteristiche fisiche e psichiche che solo un essere umano in formazione possiede (ad esempio, innocuità e remissività, assenza di giudizio, un corpo che, non ancora chiaramente connotato sessualmente, non genera inadeguatezza, senso di colpa - non durante, almeno). Non è un caso che in tutto il mondo, i bambini e le donne vivano una condizione di subordinazione e sfruttamento. Non è un caso che persino i paesi più industrializzati, economicamente avanzati, fra cui il nostro, rifiutino di adottare forme legislative che tutelino, riconoscano e definiscano senza ambiguità lo status delle categorie più deboli e vessate, che impongano il diritto, l’uguaglianza, il rispetto. Ovvie queste e molte altre cose - eppure... quanti fantasmi e quanto può essere difficile guardare attraverso lo specchio.

Duro mestiere è crescere, capire - a qualsiasi età.

C. Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.