Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

FORZA NUOVA BLOCCA IL GAY PRIDE A CATANIA

A Catania 100 forzanovisti hanno bloccato il Gay Pride cittadino nella centralissima Via Etnea. Il corteo dei pervertiti è stato bloccato per circa due ore e non ha potuto muoversi nonstante l'imponente schieramento di Polizia. Alla presenza di giornali e televisioni i responsabili forzanovisti hanno spiegato che anche in Italia è arrivato il vento dell'est e che da oggi in poi queste carnevalate avranno vita difficile. Ricordiamo che in alcuni paesi dell'est europeo i gay pride sono stati proibiti dalle autorità o impediti da folle inferocite.

 

È accaduto e accadrà ancora, con sempre maggiore frequenza, impunità - perché questo governo non ha audacia, non ha argomenti, è spaccato al suo interno fra chi, forse, ha a cuore il nostro paese e chi, invece, si preoccupa soltanto dei propri personali interessi che solo il consenso proveniente dall’elettorato e dai gruppi di potere cattolico-reazionari possono garantirgli.

Così può accadere che in occasione del Gay Pride di Catania, Forza Nuova, a cui la destra ben accomodata nei palazzi, l’integralismo clericale e tutta la marmaglia di centro elargisce favori, strizza l’occhio, possa permettersi di bloccare una manifestazione autorizzata, impedirne il pacifico e lecito svolgimento – senza nulla rischiare. Bastano 100 camicie nere armate di spranghe, croci celtiche, fiamme, striscioni omofobi e bandiere tricolori, per fare carta straccia del codice civile, penale, della costituzione, delle regole democratiche di quest’Italia da operetta, sempre più somigliante ad una dittatura sudamericana.

Accade che una manifestazione regolarmente autorizzata, non possa svolgersi - ed una che non lo è, lo diventi. Di fatto. Basta che fra i due gruppi, a far da cuscinetto, si piazzino i cosiddetti tutori dell’ordine: brave persone che dovrebbero far rispettare le leggi, difendere i cittadini e che, invece di caricare sulle loro belle camionette quel centinaio di mascalzoni con il chiodo fisso dei forni crematori, li lasciano fare, sfilare, indisturbati.

Brave persone, personcine proprio ammodo sempre pronte a dar manganellate agli inermi, incolpevoli, pacifici manifestanti, ai ragazzini, agli anziani, alle donne (dal G8 in poi più nulla ci sorprende), ma quando si tratta di far sul serio rischiando di prenderle magari da chi la pensa proprio come te…

Da una notizia “ADN KRONOS” del 28 Luglio 2006...

Catania - Trenta attivisti di Forza Nuova sono stati denunciati dalla polizia perché accusati di aver bloccato per due ore la sfilata del gay-pride, tenutosi a Catania il 28 giugno scorso. A rendere noto il provvedimento delle forze dell'ordine è stata la segreteria regionale di Forza Nuova. Il segretario Giuseppe Bonanno Conti, in una nota sostiene che «chiedevamo che venisse sciolto il corteo e che questi andassero ad esercitare ed esternare vizi e perversioni in altri luoghi lontano dagli occhi indifesi di bambini che passeggiavano con le loro famiglie in via Etnea». «A neanche a un mese dalla protesta spontanea -aggiunge- polizia e magistratura hanno fatto scattare un'azione repressiva inaudita e mai applicata a Catania in occasione di altre manifestazioni non autorizzate dell'estrema sinistra».

Non sappiamo quanti dei 100 siano stati denunciati, non sappiamo se qualcuno di essi lo sia stato. Sappiamo che, comunque vada, non faranno un giorno di galera, sappiamo che continueranno a compiere le loro azioni perché nessuno ha interesse a chiedergliene conto, impedirglielo. Nessuno ha la volontà o il coraggio di rispettare la costituzione italiana e la legge. Fanno comodo i neo(???)fascisti, a molti, troppi. Fa comodo che qualcuno faccia il lavoro sporco e loro si prestano volentieri convinti di essere i veri, i soli salvatori della patria: contro l’aborto, l’autodeterminazione delle donne, il femminismo, l’immigrazione, gli zingari, i comunisti, la minacciosa lobbie ebraica e la schifosa massoneria omosessuale/pedofila in cui le lesbiche sono una ridicola, ininfluente appendice sterile (feccia da stupro) e i transessuali baldracche da incendiare. Dio, patria e famiglia. Ecco fatto. Grazie Ratzinger, Ruini, Trujllo, Mastella, Rutelli, Bossi, Fini, Casini, Pera, Castelli, Berlusca & Co. Da destra verso sinistra passando per il centro. Grazie ai super garantiti sostenitori della cultura delle disparità e del disprezzo. Questi sono gli obbrobri che avete partorito, questi i vostri figli. Tenetevi il vostro Dio, la vostra patria, la vostra famiglia – fanno schifo, sono roba da sottosviluppati, da minorati mentali. Non tutti i gay, le lesbiche, i/le transessuali sono così scemi da voler far parte del vostro teatrino, non alle vostre condizioni. Non tutti sono così scemi da credere che gli risparmierete i vostri forni se staranno buoni e zitti, nascosti nei buchi lerci in cui volete ricacciarli.

L’impressionante aumento dei casi di abuso e violenza che si registra negli ultimi due anni, in particolare dall’Aprile dell’anno scorso, contro le persone LGBT*, gli extracomunitari, gli ebrei, i mussulmani, gli zingari, i simpatizzanti e gli attivisti dell’area antagonista e anarchica (snobbati dalla stampa, minimizzati dalla comunità LGBT* e dalla sedicente società civile, negati dagli amichetti occulti o dichiarati delle camicie nere), è il sintomo evidente, innegabile, di un venticello che cresce e rischia di trasformarsi in uno tsunami. Continuare a fingere di non sentirne il fischio accelererà solo i tempi.

FORZA NUOVA LUCCA
VACANZE ESTIVE AGOSTO 2006
A TORRE DEL LAGO PUCCINI

Anche quest’anno a Torre del Lago Puccini – Lucca, si svolgerà la festa di coloro che si dichiarano “orgogliosamente omosessuali” che con i loro indecenti “festeggiamenti” denominati Friendly Versilia”, “Mardì Gras” o “Gay Pride” che si voglia dire, esibiranno la loro vergognosa pagliacciata annuale offendendo spudoratamente la concezione tradizionale della famiglia e del matrimonio. Forza Nuova Lucca lancia un appello a tutti i camerati italiani a passare qualche giorno di vacanza nella bellissima Versilia con i figli, la propria famiglia o con le fidanzate, nella settimana che va dal 6 Agosto 2006 al 20 Agosto 2006. Organizzeremo passeggiate, volantinaggi e presidi al fine di mostrare al popolo la nostra presenza e le nostre idee. In una città importante per il turismo, che da tempo è in mano a personaggi che nulla hanno a che spartire con la società civile, dando spettacolo delle loro attitudini sessuali e perversioni in una logica globalizzante e mercanteggiante della famiglia. L’iniziativa di Forza Nuova si concluderà con una fiaccolata in difesa dei valori tradizionali.

FORZA NUOVA PER LA PATRIA FORZA NUOVA LOTTA E VITTORIA

Da mesi, nei taccuini dei giornalisti soprattutto televisivi si è aperta una voragine che inghiotte un “certo” tipo di notizie – un buco nero che le attrae e smaterializza, magicamente. Da mesi le penne scrivono a singhiozzo, i cervelli sono soggetti ad improvvisi black out: certi pensieri, certe parole, certi argomenti sì, altri no. Da mesi le testimonianze di aggrediti si moltiplicano (molti i giovanissimi, magari solo perché portano magliette con l’effige del Che, o il nome di un gruppo musicale schierato politicamente) mentre le denunce si dimezzano (spesso è la pressione dei genitori a dissuaderli o a spingerli a ritirare la denuncia – vince la paura per le ritorsioni, il timore del giudizio, vince la motivata certezza che non vi sarà giustizia, protezione, quindi perché esporsi ad un supplemento di rischio?). Da mesi assistiamo al sistematico menefreghismo di certi inquirenti, certe procure, certi apparati dello stato che di fronte a certi tipi di violenza, verso certe categorie di persone, non si scompongono, non si sprecano, non si scomodano, perché non è il caso di drammatizzare, perché non hanno mica tempo da perdere – loro. Noi sì, invece – per guardarci le spalle, fare allarmismo, parlare a vanvera.

E non basta nemmeno che gli squadristi facciano precedere le loro spedizioni punitive da roboanti annunci e proclami, non bastano i loro silenzi che sono anche peggio! Quando qualcosa accade tutti giù dal pero a parlare di casualità, schegge impazzite, eccessi, sporadicità, ragazzate, balordi senza importanza.

D’altronde il fascismo non esiste più – il pericolo è il comunismo!

Possibile che sia così difficile dire e dirsi che siamo di fronte a forme vecchie (mai morte, mai davvero indagate, risolte) di criminalità politica, sempre più organizzata e inserita nel tessuto sociale?

Dopo Catania toccherà a Torre del Lago, in provincia di Lucca – la mecca del turismo LGBT* toscano. Un mese di iniziative, di altrimenti splendide, rassicuranti, divertenti serate friendly denominate “Mardì Gras” che i soliti noti avranno l’opportunità di trasformare nella loro personale ribalta, nel loro spot promozionale omo/lesbo e transfobico - puntualmente minimizzato, attribuito ad un striminzito gruppuzzolo di semi analfabeti poco più che imberbi. Non sono pochi, non sono analfabeti e non sono imberbi – tutt’altro. Forse non ci saranno pestaggi, stupri – forse si limiteranno a minacciare, spaventare, sabotare qualche evento, fare un po’ di chiasso. I problemi veri ci sono stati prima – ignorati, negati, screditati. E se la risposta non sarà forte e chiara, se non vi sarà un serio e continuativo controllo – ci saranno dopo, magari in tempi non sospetti, nuovamente ignorati, negati, screditati, soprattutto da chi non dovrebbe prenderli sottogamba.

Dio, patria e famiglia.

Possibile che nessuno abbia la faccia di ammettere che siamo noi ad avere un problema grave di ignoranza, cecità e vigliaccheria?

Il 2 Agosto 2006, il sito www.dilloadalice.it n.115, pubblica la seguente lettera…

Cara Alice, esprimo totale ed incondizionata Solidarietà ai Connazionali di Forza Nuova che a Catania sono stati ingiustamente denunziati per aver partecipato ad una manifestazione spontanea di popolo per protestare contro la disgustosa parata di deviati e degenerati che viene chiamata gay-pride.

Ritengo che chi manifesti contro queste perversioni antinaturali e devianti lo faccia nell'interesse della Comunità Nazionale e che quindi questo atto non debba essere perseguitato ma preso come esempio per tutti gli Italiani come legittimo atto di protesta popolare.

Orgogliosamente normale, invio Distinti saluti.

Alberto Leto

Molti nel movimento LGBT* (e questa è la linea seguita acriticamente, stoltamente o furbescamente da troppi), sostengono che occorre uscire dal vittimismo, dare un’immagine positiva dell’omosessualità, per infondere fiducia. Come dire che una “vittima” è per ciò stesso una lamentosa, dannosa, inopportuna e impresentabile zavorra. Se proprio non la si può cancellare, la si deve almeno ficcare sotto il tappeto, insieme al pattume. Bene mostrare la giocosità, la normalità del disimpegno, la leggerezza della superficialità, quei casi di felice integrazione e realizzazione personale alla luce del sole, ma negare che dall’altra parte vi sia una schiacciante maggioranza che vive nella paura e nella vergogna, stando bene attenta a non scoprirsi perché le conseguenze potrebbero essere drammatiche, servirà a chi non ha o crede di non avere problemi ma non a quella maggioranza silenziosa e invisibile che tutti fanno finta di non vedere. Dato il venticello che tira, questa strategia è un bel po’ stupida e anche particolarmente autolesionista. Quando il venticello sarà diventato uno tsunami, solo chi ha una montagna di soldi sotto cui nascondersi e chi si sarà rintanato in un bunker buttando via la chiave potrà dirsi relativamente al sicuro.

Cari, allegri cittadini con la fissazione per i Pacs, quei cento sono l’avanscoperta di un agguerrito esercito che affonda le radici nella nostra stessa cultura, che conta un numero considerevole e in crescita di estimatori, sostenitori, finanziatori – altro che l’inesistente lobbie omosessuale. Al confronto siamo un’armata brancaleone balbuziente, destinata ad essere sbaragliata, spazzata sotto il tappeto. SVEGLIA! Non si cambia la mentalità di una nazione partendo dalla cima, di punto in bianco - si parte dal basso, dai fondamentali: laicità, responsabilità individuali e collettive, partecipazione, autoderminazione, maschilismo, sessismo, ANTIFASCISMO – ad esempio. Non sono parole scarsamente significanti, logore. Vecchio, e illuso, è chi crede di poter ottenere riconoscimento e diritti senza un'analisi attenta e consapevole della storia e della realtà attuale di questo paese, senza passare attraverso un adeguamento normativo che spinga al superamento culturale delle disparità comunemente accettate, o non avvertite come tali.

Sei sono le cose da ottenere, subito:

1) una legge che riconosca, definisca e punisca con severità i reati dettati da omo/lesbo e transfobia;
2) il rispetto della XII° disposizione transitoria della Costituzione che vieta la ricostituzione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista e quindi, implicitamente, condanna l’apologia del fascismo;
3) lo scioglimento e il perseguimento di qualsiasi organizzazione che promuova razzismo, xenofobia, antisemitismo, omo/lesbo e trasfobia;
4) La modifica del DECRETO LEGISLATIVO del 9 luglio 2003, n. 216, in particolare all’art. 3 (Ambito di applicazione) ai punti 3, 4, 5, 6, e art. 4 (Tutela giurisdizionale dei diritti);
5) l’applicazione intransigente e senza sconti delle suddette leggi;
6) la riaffermazione inequivocabile e ferma della laicità dello stato italiano.

Il resto verrà da sé, non il contrario.

C. Ricci

 

Sign for Proposta di scioglimento del partito "Forza Nuova"

 

 



 

MANIFESTAZIONE NAZIONALE

16 SETTEMBRE 2006 - CATANIA

Comunicato di OPEN MIND, Centro di iniziativa Gay Lesbica Bisessuale Tran, 3 Luglio 2006

 

Mercoledì 28 giugno 2006 a Catania si è tenuto il 5° GLBT Pride. Partito come ogni anno da piazza Borgo, il corteo si è snodato allegro e giovane come non mai lungo la via Etnea, arteria principale della città. Impegno politico e gioia incontenibile andavano a braccetto, come sempre, in questo nostro fluire disordinatamente orgoglioso per le vie della città, sulle note della musica frocia a noi tanto cara. Tutto sembrava procedere per il meglio, così come Thomas di Retegay riportava a chi era in ascolto sul web.

A metà percorso alcuni compagni hanno avvertito che più avanti c’era uno sbarramento di Forza Nuova, ma la polizia, interrogata, negava decisamente. E invece loro c’erano, eccome: con bandiere, striscioni (“no al gay pride”), e slogan omofobici (“le malattie si curano, non si manifestano”), alcuni armati di mazze seminascoste da stoffe. Il nostro corteo si è fermato, e abbiamo cominciato a parlare con la Digos, pretendendo che il loro assembramento non autorizzato fosse disperso. Per tutta risposta abbiamo ricevuto l’invito a calmarci e man mano che cresceva la tensione, ci è stato detto chiaramente che sarebbe stato opportuno sciogliere il nostro corteo “tanto le televisioni ci sono, avete già fatto la vostra bella figura”. E invece abbiamo deciso di continuare a camminare, dando prova politica di grande civiltà e compostezza, senza per questo rinunciare al diritto alla resistenza.

L’atteggiamento della polizia è stato inqualificabile: intanto hanno permesso ai forza novisti di “manifestare” non autorizzati, di esternare i loro deliri alle televisioni e ai cittadini increduli intorno a loro, per più di un’ora, e successivamente li hanno non dispersi bensì accompagnati, facendoli quindi sfilare ben protetti. Noi li seguivamo ad una certa distanza e grazie a compagne e compagni intervenuti al corteo, che hanno formato dei cordoni di protezione per i passaggi più delicati del percorso, siamo riusciti a chiudere il corteo in piazza Università, dove hanno parlato tra gli altri Porpora Marcasciano del M.I.T. e Gigliola Toniollo dei Nuovi Diritti della CGIL. La serata si è poi conclusa con una grande festa nella suggestiva cornice dell’arena del C.P.O. Experia.

* * *

In questi ultimi anni Forza Nuova è cresciuta in maniera esponenziale, radicandosi profondamente nel territorio a partire dai quartieri più degradati. Catania è un esempio di questo percorso, favorito, alimentato e protetto dalle politiche del centro-destra e dall’omofobia della Chiesa cattolica, sempre così pronta a stigmatizzare i comportamenti diversi.

La legittimazione delle formazioni neofasciste e neonaziste, evidente anche nell’autorizzazione data al corteo squadrista di Fiamma tricolore a Milano l’11 marzo, sta alla radice di questa vergognosa vicenda che ha visto per la prima volta un GLBT Pride bloccato in maniera così esplicita e violenta. Siamo fortemente preoccupat* per la crescente agibilità politica data a questi gruppi di picchiatori, che mettono in pericolo l’incolumità fisica di compagne e compagni, di lesbiche, gay, trans- e migranti.

Per questo, chiediamo lo scioglimento di Forza Nuova e la chiusura di tutte le sue sedi sul territorio nazionale, e seguiremo tutte le vie necessarie per questo scopo.

Lo dobbiamo alle migliaia di gay lesbiche e trans passati attraverso il camino dei campi di concentramento nazi-fascisti, la cui memoria ci aiuta nella nostra pratica politica. A tutt* loro era dedicata una targa da noi apposta il 25 aprile 2005 in un luogo che era punto di incontro delle persone omosessuali di quegli anni, targa divelta da ignoti: la rimetteremo.

Crediamo inoltre che sia arrivato il momento di dare una risposta forte, di affermare e praticare l’antifascismo come valore irrinunciabile e prioritario anche per gay lesbiche bisessuali trans-. Per questo dall’Open Mind lanciamo la proposta di una grande manifestazione nazionale antifascista da tenersi a Catania il 16 settembre 2006 e rivolgiamo il nostro appello alla comunità GLBT, alle donne e agli uomini che credono in un mondo altro, ai centri sociali, alle associazioni, partiti e sindacati e a tutt* coloro che nell’antifascismo riconoscono una parte irrinunciabile di sé, la migliore.

La storia ci chiama tutt* a scrivere le pagine più belle di questa terra.

Catania, 3 luglio 2006

 

Per adesioni alla manifestazione: opencatania@tiscali.it

OPEN MIND, Centro di iniziativa Gay Lesbica Bisessuale Trans-

Via Gargano 33, 95129 - Catania
tel./fax 095.532685

www.openmind.too.it
- opencatania@tiscali.it

 



 

Comunicato stampa

C. Ricci - 6 Luglio 2006

 

Carissimi, aderisco alla vostra manifestazione e nel farlo esprimo la mia personale, crescente preoccupazione per il clima omofobico e razzista che, in una colpevole indifferenza della società civile di cui il movimento LGBT* dovrebbe far parte, si esplicita attraverso le organizzazioni neofasciste le quali sono, è bene ricordarlo e sottolinearlo senza stancarsi, anticostituzionali.

Come persona, cittadina, antifascista e lesbica, auspico che il nuovo governo finalmente la smetta di far finta che la XII° disposizione transitoria della Costituzione Italiana non esista e, anche recependo la risoluzione del Parlamento europeo del 14 Giugno scorso, vari ed esiga l'intransigente applicazione di nuove norme legislative contro Forza Nuova, ogni organizzazione ed ogni persona che compia azioni lesive dettate da razzismo, xenofobia, antisemitismo, omo/lesbo e transfobia.

Credo fermamente che chiunque abbia a cuore non solo i propri interessi personali e corporativi ma anche quelli del nostro paese (di cui la comunità LGBT* è parte lesa insieme alle altre minoranze etniche, culturali, politiche e religiose), la democrazia, la libertà, la giustizia, il diritto, non possa e non debba più esimersi dal prendere una posizione netta e inequivocabile, antifascista, attiva, propositiva e visibile, contro qualsiasi forma di discriminazione e privilegio.

Se i leaders delle associazioni che dicono di rappresentarci e i loro acritici o rassegnati sostenitori, non vogliono o non sono capaci d'impegnarsi in altro che non siano i PACS (avvallare l'obbrobriosa forma programmata dal centro-sinistra non servirà a nulla ed anzi, costituirà un pericoloso precedente ulteriormente discriminante attraverso il quale potranno tapparci la bocca: volevate i PACS, eccoli - cos'altro pretendete?), dobbiamo trovare il modo di organizzarci, unire le nostre voci per far capire al Governo e agli italiani che non vi è sicurezza e libertà per nessuno là dove la sicurezza e le libertà non sono garantite a tutti, che in uno stato civile, laico e democratico, ad ogni persona devono essere garantiti pari diritti ed opportunità, senza alcun distinguo, che la lotta contro il nazifascismo, il razzismo, la xenofobia, l'antisemitismo, il sessismo, la omo/lesbo e transfobia, sono una priorità, una condizione essenziale e irrinunciabile verso cui non si possono avere tentennamenti, atteggiamenti ambigui, altalenanti o astensionistici.

Il peso reale, le capacità e lo spessore politico del movimento LGBT* italiano, a partire dalla base che deve alzare la testa ed emanciparsi, rendersi autonoma e propositiva, si gioca e misura su questo. Se non saremo capaci di creare un'alternativa a chi si è preso il diritto di rappresentarci poco e male, finiremo per fare il gioco di chi, a sinistra, al centro, a destra e fra i cattolici integralisti, vuol ricacciarci nel ghetto. Solo noi possiamo impedirlo.

Cinzia Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.