Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

Lo xenofobo Fortuyn più popolare di Anna Frank

BRUXELLES. Guglielmo d'Orange, padre della nazione, è l'olandese più popolare, ma Pym Fortuyn (nella foto), il leader xenofobo e razzista assassinato nel 2002, supera in popolarità personaggi come la giovane ebrea Anna Frank, il famoso calciatore Johan Cruijff, il celeberrimo pittore Vincent Van Gogh. Sono i risultati del sondaggio condotto dalla seguitissima tv "Nos". In un primo. momento sembrava addirittura che Fortuyn fosse il personaggio preferito.

Olanda, terra lontana di vento e prati colorati...

Vi è un contrasto così forte fra l’idea che me ne sono fatta e quello che posso solo intuire mettendo insieme frammenti di testimonianze, interviste televisive, documentari - chiacchiere.

Se immagino l’Olanda vedo un paese pacifico dove le persone vivono rispettandosi, poi accendo il cervello e capisco che anche là, come in ogni altro posto del mondo, le persone si tollerano, cosa che sott’intende non vi sia quel clima fraterno o solidale che vagheggio.

Si tollerano e per non essere accusati di tappare la bocca a qualcuno la tappano a qualcun’altro, per difendersi dal razzismo diventano razzisti. Una guerra fra poveri, verrebbe da dire, nuove categorie di privilegiati si barricano entro i confini del loro paese, rivendicano il diritto ad essere gli unici padroni in casa propria. Si tollerano e la tolleranza è l’humus ideale nel quale chi segretamente imbastisce la storia coltiva con successo i germi dell’odio.

Ottanta anni fa l’Europa intera in preda ad un delirio di onnipotenza collettivo fu capace di trasformare milioni di insoddisfatti o impauriti cittadini in feroci e insensati super-uomini capaci di un disprezzo senza limiti e senza ragione. Carne da macello che produsse se stessa e di sé si nutrì. Uomini e donne finalmente liberati dal fardello del pensare, dall’obbligo morale di avere opinioni proprie, una coscienza civile, esonerati dal dare risposte, decidere, discernere. Milioni di persone finalmente trovarono un nemico comune, la causa dei loro fallimenti: minacciose presenze pronte a prendersi il loro passato, il loro presente e, soprattutto, il loro futuro. Il nemico di allora è lo stesso di sempre, è chi non ci somiglia, chi vive e pensa in modo diverso dal nostro: il 99% dell’umanità rischia ogni giorno di saltare in aria, neo-nazisti/fascisti/liberisti, integralisti di qualsiasi religione o ideologia e xenofobi compresi - se solo capissero che la loro bella poltrona è imbottita di tritolo forse la smetterebbero di agitarsi tanto... Ebbene, in quell’odio e in quel disprezzo per gli altri (tutti, nessuno escluso - secondo convenienza) sono nati i loro figli che prosperando hanno partorito i loro nipoti i quali non hanno smesso di fare figli educandoli alla tolleranza finché fa comodo. A scuola dall’apprendista stregone s’impara a spaccare in mille pezzi quel che si vuole per puro divertimento o altre esigenze, ma quando il danno è fatto nessuno sa o vuole rimettere insieme i cocci... innescato il meccanismo non si torna indietro e quello che comincia al solo scopo di portare un po’ d’acqua a qualche mulino si trasforma in una bufera che tutto travolge. Agli olandesi non basterà smontare le pale dei loro per non vederli volare via.

E così la mia bella cartolina proveniente dalla terra dei tulipani cambia colore, aspetto - si alza il vento e spettina l’erba, vedo il paese dei balocchi trasformarsi, divenire quel che è: la prova che la storia non ha insegnato nulla o, meglio, che gli uomini, olandesi inclusi, sono pessimi scolari, eterni Lucignoli sempre pronti a negare evidenza e responsabilità, probabilmente destinati, non meno dei loro progenitori, a rimpiangere i banchi di scuola non tanto per quello che avrebbero potuto imparare e fare, quanto, piuttosto, per il tempo che hanno scioccamente perduto e volentieri, ancora, perderebbero - se potessero. Ma non se ne preoccupino: in meno d’un secolo i revisionisti sapranno ripulirgli la faccia e forse, chissà, trasformarli tutti in santi ed eroi - in barba al buon senso e alla decenza che, come la colpa, son morti fanciulli perché nessun li voleva.

C. Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.