Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

Dal “Il Manifesto” del 26.04.2001: “Scarso successo per il 25 aprile della destra - A Verona le autorità “poliste” se ne vanno tra i fischi. Forza nuova si palesa solo a Trieste e Crotone” e a Lucca...

...Forza Nuova ha ottenuto dall’Amministrazione Comunale ampio appoggio e protezione. Le autorità, che mai come in questo caso hanno dimostrato di avere a cuore le sorti dei suoi cittadini “migliori”, per evitare che qualcuno potesse fargli del male aggredendoli o lanciandogli oggetti, hanno recintato tutta la zona con reti metalliche presidiate da Agenti di “Pubblica Sicurezza” in tenuta antisommossa. Gli appartenenti a Forza Nuova si sono radunati numerosi e fieri, forti del generale consenso centrista e di una ben radicata presenza nel territorio tollerata o sostenuta e incoraggiata da coloro i quali, tradizionalmente, decidono le sorti politiche, sociali e culturali della città attraverso la sua gestione economica. L’attuale sistema elettorale ha reso tutti più coraggiosi e arroganti: oggi, chiunque può dare il suo voto alla destra senza aver paura di perdere i privilegi che solo la DC, sino a pochi anni fa, poteva garantire loro. Tutta l’Italia ha visto fare il saluto fascista ai nipoti di una generazione che, nonostante i deportati, i morti e le stragi (Sant’Anna di Stazzema è in provincia di Lucca), o non ha mai smesso di credersi superiore anteponendo sistematicamente i propri interessi, o non è stata capace di educare i suoi figli ad un senso alto della democrazia e del rispetto - in entrambi i casi il risultato è lo stesso: parole deliranti, facce da far spavento e quella impietosa telecamera che regala al paese l’immagine più vergognosa del fallimento dei padri, delle miserabili piccinerie di cui è capace chi ha acquisito un privilegio e di chi solo a quello aspira - di questa ipocrita, amorale, insulsa, inutile città di provincia.

C. Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.