Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione...
Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca per accedere alla sezione... Clicca Clicca per accedere alla sezione...
Contattaci!
Aggiornato Venerdì 21-Dic-2012

 

Penso spesso a tutti quelli che per lavoro girano armati con la possibilità, nemmeno tanto remota, di poterle usare. Ho due amiche in polizia. Da “giovane” avrei voluto indossare una divisa - ma l’idea che qualche testa di cazzo mi avrebbe potuto ordinare di far fuoco su persone parzialmente o completamente disarmate, che probabilmente avrei dovuto ubbidire a logiche inique e opportunistiche, asservite ad interessi politici ed economici contrari alla decenza, al buon senso e al bene collettivo, che avrei dovuto sopportare la pazzia di colleghi sempre pronti a menar le mani, che avrei potuto trovarmi di fronte a conoscenti e amici con il compito di sbarrargli la strada in qualunque modo, alla fine ha saggiamente prevalso sulla necessità di un’occupazione mediamente retribuita. Non biasimo chi ha fatto questa scelta, tuttavia spero che le forze dell’ordine siano costituite in prevalenza da persone che quantomeno, ed onestamente, si pongano il problema, persone che all’occorrenza abbiano il coraggio umano e civile di non esercitare il potere che è dato loro - uomini e donne capaci di dire no a chi vorrebbe trasformarli in assassini, a chi, comunque, li considera ottusi strumenti senza capacità di critica e discernimento. Non so se questa speranza abbia un qualche fondamento - i fatti di questi giorni certamente non incoraggiano l’ottimismo. So bene che vi sono corpi speciali addestrati a picchiare duro, so anche che in quei reparti non si finisce a caso. Da mesi i nostri attuali amministratori (con largo anticipo rispetto al mandato elettorale che hanno ottenuto), lavoravano alacremente alla stesura del copione che la stampa e la televisione ci sciorinano in queste ore. Il balletto di morti e feriti era più che scontato, prevedibile - un dejà vu che non stupisce gli smaliziati e chi conosce la storia recente del nostro paese. Cambiano le facce, le bandiere, persino gli interessi, ma la merda è la stessa - non sono nemmeno originali né, d’altro canto, gli servirebbe esserlo. E nemmeno stupisce che come al solito ci sia qualcuno che, armato di vanagloria e bombe carta, vada a farsi ammazzare convinto di fare “liberamente” e “autonomamente” la cosa giusta, per se stesso o altra causa. Il potere si serve dei gonzi e di gonzi ne è pieno il mondo. Di morti e stupidità ce ne saranno sempre in abbondanza.

Sto guardando le immagini, in diretta. Da una parte i reparti speciali della polizia vestiti come gladiatori e armati sino ai denti, dall’altra gli ultras, i disoccupati del campionato politico-calcistico “decisi a vendicare il loro compagno morto” (parole testuali della cronista), in mezzo il ricordo agghiacciante di ragazzine, anziani, intere famiglie, medici pestati a sangue neanche fossero delinquenti, criminali pericolosissimi da sopprimere come bestie - se non è un’utile pazzia...

Ieri Silvietto, riferendosi al 23enne ucciso, ci ha deliziati asserendo che era dispiaciuto per questo “inconveniente”...

Ringrazio chi, per proteggere il suo orticello, l’ha votato - spero che questo governo e i suoi servitori, da qualsiasi parte stiano, glielo brucino assieme alla casa, la macchina e tutto il resto.

 

 

Beh, il gioco è molto sporco e, temo, fuori dal controllo istituzionale. Ho il sospetto che dietro a tutta questa storia ci sia, come al solito, il governo occulto del nostro paese - quello dei servizi segreti, delle logge e delle massonerie, per intenderci, dei reparti speciali dell’intelligence casereccio e internazionale, dei complotti militari - ma questa volta è peggio perché c’è stato un ricambio generazionale che ha saputo stringere nuove e più solide alleanze extraterritoriali, che lavora ad un progetto di destabilizzazione globale, che si muove autonomamente rispetto ai maneggioni che abbiamo votato. Questo governo ha in odio l’attuale dirigenza politica: non è abbastanza cazzuta e non gli offre le garanzie che chiede - è inaffidabile, femminiella. Il centro-destra lascia correre, strizza l’occhio, tenta di raccogliere consensi, ma sa di avere a che fare con una forza organizzata e strutturata a prescindere - probabilmente ne ha paura o sottovaluta il problema, oppure, nel suo totale delirio di onnipotenza, crede di averne il controllo. Il centro-sinistra è talmente indebolito e sfilacciato da essere quasi inesistente. Il piano potrebbe essere semplice, talmente scontato ed evidente da passare inosservato, sembrare inverosimile: creare le condizioni per una sempre maggiore autonomia di intervento, occupare nuovi spazi di potere, progressivamente sostituirsi a chi legittimamente ci amministra. Un golpe in piena regola, ma attuato secondo modalità più subdole ed efficienti: hanno certamente tratto insegnamento dagli errori del passato, non si faranno abbindolare da questa classe politica inetta e raccogliticcia, stavolta faranno di testa loro. L’uso della violenza interamente rivolto contro la massa non necessariamente contestatrice, meglio se appartenente a quelle categorie sociali e culturali che storicamente infastidiscono i catto-destrorsi (immigrati, omosessuali, intellettuali...). Operazioni di controllo e schedatura capillari, sistematiche. Delegittimazione della stampa, delle parti sociali, delle forze e dei movimenti politici non allineati o comunque intenzionati a non rinunciare ai più elementari diritti costituzionali - renderli inoffensivi o sbarazzarsene definitivamente. Tutto secondo il vecchio e sempre efficacissimo copione: attentati, bombe, il terrore, la gente che chiede leggi straordinarie, l’uso anche indiscriminato della forza e della repressione, l’eliminazione anche fisica dei rompiballe, di quelli che non chinano il capo, che non si adeguano...

Questa volta si mette male - fanno sul serio, sono determinati e soprattutto godono del consenso generale: la maggioranza degli italiani è pronta ad accogliere integralmente il delirante e amorale liberismo senza regole e democrazia di questo paese, lo auspica, se ne fa promotore. Gli uomini che lo imporranno a tutti gli altri sono già al loro posto. Siamo sull’orlo di una guerra civile che farà molti morti, una guerra che abbiamo perso il 13 Maggio?

Mi auguro di no per il bene di tutti - anche di coloro che non condivido.

C. Ricci

 

 

Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina
Clicca per accedere alla pagina

 

Le immagini, se non diversamente segnalato, sono prevalentemente tratte da materiali fotografici e grafici preesistenti modificati e riadattati dall'autrice. La riproduzione parziale e non a scopo commerciale del materiale pubblicato (immagini e testi) è consentita citando la fonte (indirizzo web) e l’autore (Cinzia Ricci o altri), diversamente tutti i diritti sono riservati.

by www.cinziaricci.it

Questo sito, testato principalmente con Firefox, Internet Explorer e Safari, è privo di contenuti dannosi per i computer. L'utilizzo di altri Browser o comunque con script e controlli ActiveX disattivati, potrebbe causare visualizzazioni difformi o parziali, errori e malfunzionamenti. Risoluzione schermo consigliata: 1024x768.